Un ulteriore smottamento ha interessato il sentiero naturalistico di Capo Milazzo che si affaccia sulla Baia di Sant’Antonio distruggendo parte del percorso.

Su disposizione del presidente dell’Area marina protetta, Giovanni Mangano, la cui competenza ricade anche sul costone, è stato interdetto con delle transenne  l’accesso al passaggio che specialmente nel fine settimana viene percorso da centinaia di cittadini e turisti desiderosi di godere del bellissimo panorama.

Mangano ha convocato una riunione per il 25 settembre a cui sono stati invitati tutti gli enti  che devono rilasciare i relativi nulla osta, ben quattordici: dal Ministero dell’Ambiente al Demanio ai vigili del fuoco.  L’Amp nella lettera di convocazione ha manifestato la disponibilità  a intervenire tempestivamente per l’installazione di barriere fisiche finalizzate ad interdire il transito pedonale lungo il sentiero e per l’effetto e trovare congiuntamente «le strategie d’intervento per mitigare i rischi».

Già nei giorni scorsi un enorme masso era rotolato fermandosi sul sentiero e, per fortuna, senza creare danni a cose o persone.

I massi caduti durante la frana sono precipitati anche in mare

Condividi questo articolo

guest
9 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
domenico giorgianni
domenico giorgianni
2 anni fa

ora ci pensa Mangano

UnMilazzese
UnMilazzese
2 anni fa

Il CDA della AMP potrebbe usare i soldi per raccattare le decine di sacchi pieni di plastica lasciati in bella mostra alla Rinella dall’ultimo evento mediatico di raccolta. Fatte foto di rito e articoli giornalistici tutto è rimasto lì in attesa che il mare lo sparga sulla spiaggia. Potrebbe poi dire in Capitaneria di multare chi li ha lasciati. Se la plastica c’era i sacchi in cui è non c’erano

Organizzatore manifestazione kayak
Organizzatore manifestazione kayak
2 anni fa
Reply to  UnMilazzese

L’amp si è attivata per i sacchi che verranno presi a breve da una ditta preposta… Ma caro Milazzese invece di scrivere sempre data la tua immensa preparazione perché non indichi la via maestra per fare un amp funzionante

UnMilazzese
UnMilazzese
2 anni fa

Certo,
Per esempio bisogna profondamente cambiare quella balorda zonazione attuale, impedire che si possa pescare al suo interno e non farne, come ora, una riserva di pesca per alcuni e non per altri, evitare la mangiatoria delle boe di ormeggio a pagamento. Usare il buon senso applicato alle caratteristiche del Capo per il regolamento e non scopiazzare/incollare pezzi di regolamenti di altre AMP

UnMilazzese
UnMilazzese
2 anni fa

Io sono decisamente favorevole alle AMP ma a Milazzo non serve per ragioni geografiche terrestri e subacquee, come di inquinamento esterno complici le correnti marine, come di modifiche dell’ambiente marino generale in Mediterraneo e specifiche locali quali gli impianti dell’area industriale. Servirebbero solo alcune ordinanze fatte rispettare seriamente ma la AMP serve per raccattare milioni di €

UnMilazzese
UnMilazzese
2 anni fa

Se lo mettono in sicurezza con i soldi che incamerano con la AMP almeno fanno qualcosa di utile perché, per quello che riguarda il mare e ambiente marino, la AMP in salsa milazzese certo utile non lo è molto. È principalmente una presa in giro fatta contro Milazzo ed i cittadini per raccattare soldi, fare assunzioni e quello che una vera AMP comporta. Solo che quella di Milazzo non è una vera AMP

Filippo de Silva
Filippo de Silva
2 anni fa

Si bene, mettete le barriere fisiche per interdire il transito dei pedoni e tutto finisce li per sempre! Perchè non vi rimboccate le maniche per risolvere subito il problema per mettere in sicurezza il costone e lasciarlo alla pubblica fruizione? A già dimenticavo, non ci sono soldi!

H20
H20
2 anni fa

Che vergogna, e dire che i finanziamenti erano stati erano stati assegnati al comune dalla regione e non sono stati capaci di redigere un progetto. A caaasaa

UnMilazzese
UnMilazzese
2 anni fa
Reply to  H20

I soldi ci sarebbero eccome con tutte le decine di milioni che ricevono per quella presa in giro di AMP fatta, appunto, per accaparrare finanziamenti Che poi sia una presa in giro fatta contro la città di Milazzo, il suo futuro, i suoi cittadini poco importa. L’importante è fare soldi ed assumere personale