Anche Milazzo, San Filippo del Mela e Santa Lucia del Mela tra i 44 Comuni dell’Isola che hanno ottenuto quasi 17 milioni di euro per ristrutturare gli immobili destinati ad asili e migliorare, in generale, i servizi per la prima infanzia. Li ha finanziati la Regione Siciliana, che tramite l’assessorato della Famiglia ha pubblicato la graduatoria provvisoria delle 49 istanze ammesse in base all’Avviso pubblicato nello scorso mese di novembre.

Gli interventi proposti vanno dalla realizzazione di nuovi asili alla manutenzione straordinaria e riqualificazione di strutture esistenti, dall’efficientamento energetico all’adeguamento igienico-sanitario all’acquisto di forniture e arredi. A dividersi le risorse del Fondo di sviluppo e coesione saranno tutte le nove province dell’Isola.

Dodici gli interventi finanziati in provincia di Messina:  Milazzo (manutenzione straordinaria e riqualificazione asilo nido comunale); San Filippo del Mela (manutenzione straordinaria e adeguamento esistente asilo “Lamonica”); Santa Lucia del Mela, due interventi (ristrutturazione, adeguamento normativo ed efficientamento energetico dell’edificio dismesso ex scuola “Misericordia” da destinare a centro bambini e famiglie e manutenzione straordinaria, adeguamento normativo ed effientamento energetico dell’edificio scolastico di via Roma 51); Barcellona Pozzo di Gotto (riqualificazione, manutenzione straordinaria e adeguamento impianti asilo “Petraro”); Naso (adeguamento, rifunzionalizzazione e ristrutturazione edificio da adibire a micro-nido); Taormina (adeguamento – con demolizione e ricostruzione – e manutenzione dell’asilo della frazione Trappitello); Scaletta Zanclea (ristrutturazione asilo “San Domenico Savio”); Sinagra e Raccuja (rifunzionalizzazione, riqualificazione edilizia e adeguamento impiantistico di un immobile comunale da destinare a micro-nido); Gaggi (realizzazione asilo comunale).

«Costruire nuovi spazi, o ristrutturare quelli esistenti, per la prima infanzia – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci – è un dovere per chi amministra».

Condividi questo articolo
1.446 visite