Stasera, sabato 10 agosto, la Dark Polo Gang si esibirà allo stadio comunale di Milazzo. Secondo gli organizzatori sono attesi migliaia di giovani fans provenienti da tutta l’isola ma sono ancora disponibili biglietti per i ritardatari che potranno acquistarli direttamente al botteghino. Il più famoso collettivo trap romano composto da Tony Effe, Wayne Santana e Dark Pyrex  suoneranno i loro sucessi, brani che parlano della nostra società, dei problemi giovanili, della globalizzazione: da “Cambiare Adesso” a “Sex On the Beach” e British. 

Sin dal pomeriggio, per motivi di sicurezza, attorno allo stadio Salmeri ci saranno limitazioni al traffico con la chiusura di Via delle Ninfe e del Marinaio. I cancelli dello stadio verranno aperti al pubblico alle ore 18 e si potranno ascoltare vari dj e cantanti live, prima dell’arrrivo della Dark Polo Gang alle 21.

«Non é solo un investimento imprenditoriale – spiegano La Isla Esta de Moda e WeNow Organization insieme con il nome di F.i.m.a.c. Eventi, promotori della manifestazione – ma soprattutto un estremo patriottismo verso la propria città». Migliaia i biglietti già venduti, i fan arriveranno da tutta la Sicilia.

Gli organizzatori ricordano di presentarsi all’ingresso con un documento di riconoscimento. I minori di 12 anni devono essere accompagnati da un genitore o tutore legale munito di biglietto.

 

 

Condividi questo articolo
2.804 visite

2
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Ascoltatore dall'esterno dello stadioCarmelo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Ascoltatore dall'esterno dello stadio
Ospite
Ascoltatore dall'esterno dello stadio

Circa 250 bambini, alcuni accompagnati dai genitori e un grandissimo successo, bellissima musica da strapparsi i capelli, 45 minuti di parole come cazzo e due bestemmie a Dio e alla Madonna dal palco davanti a un pubblico di minorenni!

Carmelo
Ospite
Carmelo

Sarebbe il caso di educare le nuove leve alla musica. Di musicale in questi soggetti non c’è nulla quindi abbiate la compiacenza di non chiamarla musica.