Chiesa di san Rocco prima del restauro

Il restauro della chiesa di San Rocco finisce in procura. A denunciare interventi mai autorizzati all’interno del piccolo edificio sacro  è stata la Soprintendenza di Messina che nel maggio scorso ha contestato i lavori a Santino Smedile, in qualità di presidente dell’Associazione provinciale statistici, titolare del comodato d’uso dell’immobile di proprietà della Società Marittima di mutuo soccorso.

LE OPERE ILLECITE. Secondo i tecnici sarebbero state configurate opere illecite quali pitturazioni interne del soffitto e delle pareti, intonacature parziali, rimozione della lapide della confraternita di San Rocco (1853) e di ricomposizione su supporto a parete, collocazione di ringhiera per l’accesso della cripta, pitturazione dei prospetti di colore bianco, sigillatura e pitturazione della guaina della copertura della cupola di colore rosso, collocazione di vetrata (in plastica) figurata e colorata sul prospetto principale.

INIZIO LAVORI. Lo scorso 28 settembre 2018, in realtà, Smedile aveva inviato una nota in cui comunicava che si stavano effettuando «lavori  di manutenzione ordinaria» alla chiesa «mediante personale altamente specializzato» al fine di «eliminare le infiltrazioni di acqua piovana che, a causa della prolungata chiusura, sono state alla base dei danni del soffitto e della pareti». Però – secondo la relazione dei tecnici comunali e dei vigili urbani che hanno elevato il verbale di violazione edilizia – di “ordinario” c’era poco. 

LA VIOLAZIONE. La violazione urbanistica nasce dal fatto che  la chiesa è vincolata dalla Soprintendenza  e per l’esecuzione delle opere sia all’interno che all’esterno della chiesa era necessario ottenere il rilascio di nulla osta e la presentazione – sempre alla Soprintendenza –  della Segnalazione Certificata di inizio attività».

LA DURA REPLICA. Santino Smedile ha commentato la vicenda. «Ci si è mossi solo dopo il silenzio assenso del Comune. L’ufficio tecnico non ci ha comunicato che mancava un ulteriore parere. Che, se richiesto, non sarebbe stato negato».

Poi Smedile aggiunge in uno  sfogo affidato ai social. «La Chiesa di San Rocco è di proprietà privata. In cinquant’anni sono stati eseguiti lavori di manutenzione che nessuno ha mai autorizzato – sostiene Smedile –  sono state asportate (per meglio dire rubate) le tegole della copertura, è stato protetto il tetto stendendo guaine bituminose che presentavano crepe e spaccature; analogamente, lesioni per la mancanza di adeguata copertura sono state riscontrate sulla cupola; le pareti interne, umide ed ammuffite per l’acqua che assorbivano, venivano tinteggiate per nascondere il peggio. I lampadari non sappiamo che fine abbiano fatto; il confessionale in legno, costruito nel 600 cui fa riferimento il Chillemi nel suo libro, non si sa che fine abbia fatto. I quadri restano solo nella descrizione del Ryolo, ma in Chiesa non ce n’è traccia. Il pavimento in ceramica? Almeno 20 mq sono stati asportati e collocati chissà in quale casa nobiliare e sostituiti con mattonelle di cemento, grigie e rosse. Gli scheletri della cripta chiusi in un sacco e portati chissà dove, i manoscritti non sappiamo dove siano finiti, la lapide che copriva la cripta è lesionata ed è stata rimossa per evitare pericoli a chi sarebbe entrato in Chiesa…. Se in tutti questi anni la Sovrintendenza non è mai intervenuta per evitare lo scempio, chi ci dice che una chiesetta privata sia sottoposta a vincolo? Se sì, per quale motivo questa si è accorta solo a lavori ultimati che la Chiesa di San Rocco esiste?».

Ad Oggi Milazzo aggiunge. «La lapide è stata rimossa poichè lesionata in più punti è pericolosa per chi usufruisce della chiesa e la ringhiera è stata sistemata a protezione», ha subito puntualizzato Smedili. «A proposito, la vetrata non è vetrata, ma un foglio di policarbonato che riproduce lo Spirito Santo. È facilmente asportabile, ed è messo a protezione di una finestra priva di vetri proprio per evitare che all’interno della chiesa potessero entrare polveri ed elementi estranei con il vento. Sulla cupola è stata passata una guaina di colore rosso, perché rossa è messa in vendita, la facciata è stata intonacata non con malta cementizia, ma con rasante traspirante indicato per i restauri. In quanto ai furti, in mezzo secolo hanno asportato di tutto e di più, purtroppo».

Condividi questo articolo
4.537 visite

9
Rispondi

avatar
400
7 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
PolifemoSalvoGAMBINO gIUSEPPINANataleSPUTOILROSPO Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Polifemo
Ospite
Polifemo

La soprintendenza perché non interveniva prima quando la chiesa era pericolante e le persone passano e spassano di là. È stato fatto da parte di Santino un opera di bene, perché questa burocrazia? La chiesa di S. Papino è da anni che si presenta in un modo ridicolo, perché non intervenite voi della soprintendenza?

Salvo
Ospite
Salvo

Dire che in passato non si è fatto nulla.non giustifica il vostro intervento in barba a leggi e regolamenti chiari. Siete voi che appartenendo alla generazione che ha alimentato questo mal costume, non volete adeguarvi e ora piangere…

GAMBINO gIUSEPPINA
Ospite

Io sono con Santino Smedile…!!!!!Non può la Soprintendenza di Messina svegliarsi un giorno… dopo anni di sonno profondo tanto da non vedere nè i danni nè le ruberie e sentenziare che non sono stati richiesti i permessi…..Il lavoro e l’abnegazione di Santino Smedile per un bene pubblico qual’è la chiesetta di San Rocco è da lodare anche perchè non ha fatto niente di illecito.

Natale
Ospite
Natale

Mi viene da piangere solo pensare il danuovo che hanno fatto io sono nato a 80m dalla chiesettari di San Rocco e 20 dell’Immacolata voglio vedere chi ha ragione

SPUTOILROSPO
Ospite
SPUTOILROSPO

Ma com’è possibile che per tanti e tanti anni di quella Chiesa, a nessuno è mai importato niente di ciò che avveniva dentro e fuori?.(e di interventi nel tempo, ne sono stati fatti veramente parecchi..). Cosa bisognerebbe allora dire alla Soprintendenza che ha dato il benestare di ridicolizzare un’altare e sfondare un muro del ‘600 per aprire un varco e farne una porta per un capriccio personale?

SPUTOILROSPO
Ospite
SPUTOILROSPO

Per quanto riguarda l’altare ridicolizzato (tagliato ai due lati) con taglio anche dei gradini di marmo per far posto all’accesso di una porta, è riferito alla Chiesa del Rosario. Invito la cittadinanza, a prendere visione
dello scempio che si è perpetrato in questo Tempio. Qui, veramente tutto è soggetto a vincoli! Non è forse lecito chiedersi: ma come è stato possibile tutto questo? Puzza molto