Catemoto De Luca” il libro del giornalista Emilio Pintaldi, sbarca a Milazzo. Sarà presentato domenica 7 luglio, alle 19, nell’ambito della rassegna il “Giardino Letterario” organizzata per il terzo anno consecutivo dall’assessorato comunale alla Cultura a Villa Vaccarino. A conversare con l’autore la direttrice di Oggi Milazzo Rossana Franzone, il giornalista Santi Cautela che nel libro ha curato un approfondimento e l’assessore alla Cultura del Comune di Milazzo Salvatore Presti.

 “Catemoto De Luca”, edito da Casta Editore, si trova in tutte le librerie della Sicilia. È un approfondito studio sulle tecniche comunicative utilizzate dai politici nell’era dei social. Cateno De Luca sindaco di Messina appare uno dei personaggi più abili ad utilizzare le nuove strategie. Alle sue recenti performance natatorie e agli spogliarelli del passato affianca la sua presenza sui social. Emilio Pintaldi analizza il fenomeno e mette in guardia dai pericoli che corriamo. La metà dei diritti che spettano all’autore saranno devoluti a Nemosud e ad Abc Amici dei bambini in corsia.

Intanto “Catemoto De Luca” raccoglie i primi premi. Menzione speciale ad Emilio Pintaldi al teatro Tina Di Lorenzo di Noto dove il saggio è stato presentato, dall’Agirt l’associazione presieduta da Pippo Cascio, che riunisce i giornalisti Radiotelevisivi e telematici. La motivazione della menzione speciale assegnata al cronista è significativa: «Per l’ importante contributo fornito con il suo saggio Catemoto De Luca al dibattito sulla comunicazione politica e strategica che riguarda i social». A consegnare il riconoscimento, sul palco del meraviglioso teatro Tina Di Lorenzo di Noto, in una mattinata dedicata alla comunicazione social e all’ emigrazione, il sindaco di Noto Corrado Bonfanti, e i rappresentanti dell’ Agirt e dell’Aics, l’associazione italiana che si occupa di cultura e di sport. Presente all’evento il sociologo Francesco Pira che ha firmato la prefazione del libro e che è stato premiato per il suo ultimo saggio sul mondo dei social “Piraterie”.

 

Condividi questo articolo
552 visite