Il Giudice Paolo Orifici stamattina ha sciolto la riserva ed ha ha ammesso ulteriori 50 richieste di parti civili avanzate nell’ambito del processo per disastro ambientale ai vertici della Raffineria di Milazzo. Complessivamente saranno 200. Orifici ha accolto la tesi sostenuta dai legali delle parti civili, Antonio Giardina, Paolo Rotelli, Alessandro Imbruglia, Carmelo Speranza che avevano0 avanzato la richiesta nelle precedenti udienze oltre ad una richiesta di citazione per il responsabile civile, richiesta che il Giudice ha accolto ulteriormente.

Il Giudice al termine della comunicazione ha rinviato alla seduta del 15 maggio per emettere il decreto da notificare alla Raffineria di Milazzo. 

«Siamo soddisfatti del provvedimento del Giudice che ha accolto integralmente le nostre ragioni – jha scritto Peppe Marano del Cad sociale Milazzo  – citando espressamente la giurisprudenza da noi sottolineata in atti. Adesso si apre una nuova pagina per Milazzo in cui finalmente tutte le persone fisiche potranno essere risarcite dei danno subiti» .

Condividi questo articolo
1.724 visite