Importante iniziativa promossa dal Rotary Club Milazzo, presieduto da Gianfranco Caruso a sostegno del crowdfunding lanciato a sostegno del Siso Project.

Il Club già protagonista di passate iniziative a favore dell’istituzione dell’Area Marina Protetta e della promozione delle bellezze ambientali e paesaggistiche di Capo Milazzo, ha sposato il progetto che prevede l’allestimento di una sala espostiva al castello di Milazzo dove il protagonista sarò lo scheletro del capodoglio recuperato a Capo Milazzo.

Si è svolta a palazzo D’Amico la presentazione del progetto che ha visto relatore principale il biologo Carmelo Isgrò, promotore del progetto, e gli architetti Claudio Lucchesi e Anna Liuzzo dello studio Ufo.

La storia del Capodoglio Siso, giovane maschio della lunghezza di 10 metri rimasto impigliato in una rete illegale a largo delle Isole Eolie, ha affascinato l’ampia platea che ha aderito al progetto di ricostruire lo scheletro del Capodoglio Siso all’interno del “Bastione di Santa Maria” del Castello di Milazzo. Un raccolta fondi che servirà non solo per ricostruire lo scheletro del capodoglio ma per realizzare anche una moderna sala espositiva.

Il convegno si è concluso con la consueta conviviale che ha visto la partecipazione all’evento promosso dal Club mamertino anche di altri club dell’Area Peloritana (Rotary Club Patti e Messina Stretto e Peloro).

Condividi questo articolo
717 visite