Tutti in coda all’Ufficio Anagrafe del comune di Milazzo per il cambio di residenza. Numerosi cittadini negli ultimi giorni si sono rivolti agli sportelli di Palazzo dell’Aquila per chiedere informazioni. Anche a Milazzo, come in tante altri comuni, improvvisamente le famiglie sembrano sfaldarsi tra genitori che si separano e figli alla ricerca di libertà in un altra abitazione.

Troppi casi secondo il sindaco Giovani Formica preso dal dubbio che si tratti del più classico dei trucchetti per entrare a far parte degli aventi diritto al Reddito di cittadinanza.

Così ecco che arriva un preciso atto di indirizzo al responsabile dell’Anagrafe cittadina e della polizia municipale di vigilare con attenzione su questa impennata di informazioni e sulla bonta delle richieste incrociando i dati.

I furbetti del cambio di residenza, insomma, avranno vita dura.

Condividi questo articolo
3.978 visite
guest
8 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Paolo
Paolo
1 anno fa

Se li verificano come i furbetti con stallo per invalidi,senza averne diritto, o peggio, avremo un esodo di massa in città!

ettore
ettore
1 anno fa

saro’ingenuo ma il problema non esisterebbe se ognuno di noi si comportasse in maniera civile,onesta e rispettosa delle regole ma siccome, un po’ in tutta italia,si ragiona cosi: a me conviene e degli altri me ne strafotto: capisco che siamo in tempi brutti ,ma questa non è una giustificazione.

Carmelo P.
Carmelo P.
1 anno fa

Occhio anche ai dipendenti comunali che quanto prima faranno anche loro richiesta di questo benedetto reddito di cittadinanza.

Cittadino attento
Cittadino attento
1 anno fa

Finalmente qualcosa di positivo.Corretto e rispettoso mei confronti dei cittadini onesti.

Tony
Tony
1 anno fa

Ma se non sono capaci di vigilare la pentola sul fuoco!!!…