Giornata ecologica a Milazzo organizzata nell’ambito dello sviluppo del progetto NAUTICINBLU di Marevivo con il coinvolgimento dell’istituto Nautico Leonardo Da Vinci.

Un vero e proprio sbarco di un centinaio di volontari e studenti che, sebbene non raggiungessero le mille camice rosse di Garibaldi, hanno ripristinato, liberandola dai rifiuti, la spiaggia del Tono nella costa di ponente di Milazzo.

Il progetto che viene realizzato a Milazzo grazie anche al sostegno del gruppo di navigazione Caronte&Tourist, sta coinvolgendo oltre 1.500 studenti degli istituti nautici italiani e tra qualche giorno approderà anche a Messina e a Catania.

Gli studenti guidati dagli operatori di Marevivo hanno lavorato seguendo il protocollo Sea Cleaner, intervenendo su un’area di circa 100 metri quadrati, della quale sono stati rilevati tutti gli aspetti antropici e naturalistici e valutate le incidenze di eventuali fattori inquinanti, procedendo poi ad una raccolta sistematica di quanto emergeva in superficie.

I risultati, che verranno diffusi in modo più preciso non appena sarà definito il rapporto di monitoraggio, sono immediatamente apparsi allarmanti.

La spiaggia aveva assunto un aspetto multicolore determinato dalla massiccia presenza della plastica, soprattutto composta da bottiglie, tappi e cannucce e dagli, oramai onnipresenti, bastoncini di plastica dei cotton fioc.

Circa 10.000 pezzi rilevati in una prima stima e se ci riferissimo all’intera spiaggia i pezzi supererebbero le centinaia di migliaia o addirittura il milione.

Una degenerazione determinata dallo scorretto comportamento umano, dall’abbandono indiscriminato nell’ambiente delle bottiglie di plastica e di tutto il materiale monouso e dal disfarsi, attraverso gli scarichi dei servizi igienici di casa, dei cotton fioc quotidianamente usati.

Si ritiene che oggi i giovani partecipanti abbiano compreso in modo completo e diretto quali sono le condizioni del mare e dell’ambiente e quanto l’inquinamento sia riconducibile alla mancanza di rispetto dei cittadini e più in generale all’irresponsabilità umana.

Rimane raggiunto l’obiettivo educativo – afferma il delegato regionale di Marevivo, Fabio Galluzzo – che attraverso le attività progettate dalla nostra associazione, contribuisce a trasferire ai futuri professionisti del mare, nuove consapevolezze e ulteriori competenze trasversali di natura ecologica, che accompagneranno tutta la loro vita professionale, integrando quelle di natura più specificatamente tecnica.

Grazie anche alla collaborazione del Comune, che ha approntato una squadra d’intervento, oggi i rifiuti hanno abbandonato la spiaggia che è ritornata a splendere, almeno nella porzione di area ripristinata dai giovani volontari.

I partecipanti hanno provveduto poi a fare una raccolta differenziata dei rifiuti rinvenuti, mentre i cotton fioc e i tappi saranno riposti in contenitori di vetro e collocati a scuola a memoria dell’esperienza e dell’impegno della giornata e a prova che l’allarme lanciato dalle associazioni sullo stato del mare è concreto e reale e che richiede l’impegno immediato di ogni singolo cittadino, chiamato a divenire braccio operativo delle istituzioni pubbliche.

Condividi questo articolo
2.461 visite

5
Rispondi

avatar
400
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
senzapelisullalinguacicciopippoEttore Antonio TripepiLeale85 Recent comment authors
più recente meno recente più votato
senzapelisullalingua
Ospite
senzapelisullalingua

Bravissimi,lodevole iniziativa anche se pressochè inutile,considerando che il giorno dopo la spiaggia è già ricoperta di schifezze!!
Ma come avranno fatto a contarli 10000 bastoncini? hanno fatto a occhio e croce o li hanno messi in fila? probabilmente hanno fatto un calcolo matematico,100 mq = 10000 cmq cioè 1 bastoncino ogni centimetro quadrato?
Ma … mi faccia il piacere… diceva Totò….

ciccio
Ospite
ciccio

Ma siamo proprio sicuri che si tratta di bastoncini per l’igiene delle orecchie e non di bastoncini di “lecca-lecca” o di cannucce per le dosi singole di succhi di frutta in brick?

pippo
Ospite
pippo

Tutta questa roba in un’area 10 m x 10 m?

Ettore Antonio Tripepi
Ospite
Ettore Antonio Tripepi

Che ben vengano queste iniziative.Trovo però che sia un po riduttivo coinvolgere solo l’istituto Nautico. Bisogna insegnare a ragazzini ” scuole medie”, il rispetto della natura e dunque estendere a tutto il territorio scolastico medie e superiori, dedicando una giornata al mese ad una iniziativa simile.

Leale85
Ospite
Leale85

Bella iniziativa e complimenti a tutti quelli che si sono impegnati in questa iniziativa…..ma che fastidio pensare al fatto che queste “PULIZIE STRAORDINARIE” non passano mai per la testa alla nostra amministrazione