MESSINA. L’intento è quello di informare e sensibilizzare le famiglie e gli operatori della scuola sulla necessità di tutelare le potenzialità dei ragazzi con dislessia e dsa, nel rispetto della loro neurodiversità. Si parlerà di questo, sabato 1 dicembre, durante l’incontro organizzato dal Centro Studi Iridac che a Messina, struttura che si occupa di ricerca sui disturbi specifici dell’apprendimento e comportamento. Un’occasione unica in cui Giacomo Stella, Ordinario di Psicologia clinica dell’Università di Modena e Reggio Emilia e massimo esperto di Dsa in Italia, incontrerà i genitori di studenti con Dsa e i docenti delle scuole della città che potranno rivolgergli domande e avere risposte. Le scuole, infatti, hanno un ruolo fondamentale nella crescita culturale del territorio in cui operano e il supporto degli insegnanti resta la strada maestra per raggiungere questo obiettivo.

L’incontro è in programma dalle 9:30 e alle 11:30 al Centro Studi Iridac (viale Boccetta is. 374 – dopo il Palazzo della Cultura, direzione mare) .

«I dati epidemiologici sul disturbo specifico d’apprendimento relativi alla Regione Sicilia mostrano una tendenza verso l’incremento analoga a quella registrata nelle altre regioni italiane a partire dal 2010, anno in cui la legge 170 ha normato i DSA nelle scuole italiane – spiega Massimo Ciuffo direttore del Centro Studi Iridac – a differenza dalle regioni più virtuose, però, la Sicilia si colloca nelle ultime posizioni per numero complessivo di diagnosi, pagando l’assenza di una legge regionale che impedisce, allo stato attuale, l’abbattimento delle liste d’attesa nei centri pubblici. Per questo iniziative come queste sono necessarie a far emergere il sommerso e intervenire tempestivamente a supporto dei ragazzi con Dsa»

Il Centro Studi Iridac,  si pone come obiettivo il recupero e il potenziamento degli apprendimenti offrendo supporto specializzato, consulenza a genitori e insegnanti per la stesura dei Pdp e indicazioni operative per la programmazione del percorso educativo più funzionale alle caratteristiche del bambino. E’ infatti possibile insegnare strategie allo studente che permettono di imparare più efficacemente. Fiore all’occhiello del Centro messinese è il suo Servizio di Diagnosi Specialistica, che rappresenta il punto di partenza di qualsiasi trattamento realmente efficace poiché permette di tracciare un profilo di funzionamento e di indicare un adeguato percorso rieducativo. Il processo diagnostico è condotto da un’equipe specializzata (Neuropsichiatra, Psicologo, Educatore) secondo le linee guida proposte dalla Consensus Conference Nazionale per i Dsa.

Responsabile Scientifico del Centro è Antonella Gagliano, Professore Associato di Neuropsichiatria Infantile Università di Cagliari, Dottore di Ricerca in Neuropsicopatologia dei processi di apprendimento in età evolutiva, è membro del Comitato Tecnico Scientifico di SOS Dislessia. Dell’equipe fanno parte anche la responsabile del doposcuola specialistico: Maria Venuti, Rosella Ciuffo, Maria Ausilia Alquino, Francesca Ciulla e Marta Pocorobba

Condividi questo articolo
978 visite