Gli uomini della Guardia Costiera di Milazzo durante una serie di controlli ha elevato sanzioni dell’importo complessivo di 3 mila euro nei confronti di due pescherie, una di Milazzo e l’altra di Patti, poichè è stata accertata la somministrazione di prodotto ittico priva della documentazione che ne attestava la provenienza. Il prodotto è stato dichiarato dal servizio veterinario dell’Asp competente non idoneo al consumo umano e pertanto avviato alla distruzione.

Il gommone GC A64 della Guardia Costiera di Milazzo, invece, ha recuperato in mare due attrezzi utilizzati da pescatori non professionali: un palangaro derivante della lunghezza di circa 2.400 metri, impiegato per la cattura di pescespada ed un Fad (cannizzo), entrambi posizionati illegalmente nello specchio acqueo antistante il lungomare di Villafranca e la riviera di ponente di Milazzo. Il personale del gommone A64 ha, altresì, provveduto alla liberazione di esemplari di pescespada sotto misura catturati dal suddetto attrezzo e rinvenuti ancora in vita.

«L’attività di controllo e vigilanza a cura della Guardia Costiera di Milazzo – si legge in una nota stanpa – continuerà su tutto il territorio di competenza per verificare il rispetto della politica comune della pesca anche in merito all’osservanza delle norme inerenti gli attrezzi di pesca utilizzati, la tracciabilità/rintracciabilità del prodotto ittico in tutte le fasi della commercializzazione, a tutela delle risorse ittiche, dell’ambiente marino ed a garanzia della sicurezza alimentare del consumatore».

Condividi questo articolo
3.126 visite

3
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
Pescatore professionistaDavidePaolo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Pescatore professionista
Ospite

Cosa avete fatto? Niente a confronto a quello che pescano illegalmente i pescatori di frodo,e voi lo sapete.ci vogliono più controlli sia di terra che di mare!

Paolo
Ospite
Paolo

Sino a che continueranno a “graziare” con pene irrisorie queste “scoperte”, tutti faranno tutto. 2400 metri di attrezzatura abusiva e fuorilegge messa in acqua, non è poca roba. Quindi o li bastonate a dovere oppure, dopodomani, si rimetteranno in acqua a fare come gli pare. P.s. le pescherie incriminate e scoperte, chiudetele un mese, o sospendete la licenza, forse capiranno come lavorare.

Davide
Ospite
Davide

Come fanno ad agire indisturbati? mica parliamo di operazioni che si possono eseguire in pochi minuti. Se andassi al mare e immergessi in acqua una piccola nassa fatta da me, sono convinto che se ne accorgerebbero tutti, anche i satelliti che orbitano attorno alla Terra rivelerebbero qualcosa! Questi agiscono con “nonchalance” e in modo del tutto invisibile. Mah!