Alma Legrottaglie, Stefania Scolaro e Stello Vadalà. Ci sono anche tre dirigenti scolastici tra quelli che si sono mobilitati contro Halloween. Una presa di posizione che ha lo scopo di puntare alla riscoperta delle antiche tradizioni locali. In tutto sono quarantatre i presidi messinesi che invitano a riscoprire il valore della Commemorazione dei Defunti. E a loro si sono aggiunti anche alcuni politici regionali e moltissimi sindaci dei comuni del messinese. «Tenuto conto dell’importanza della valorizzazione delle radici culturali, storiche e religiose del territorio – comincia così il comunicato unico diramato dai direttori scolastici – e consci che il rispetto delle diversità debba poggiare innanzitutto sulla valorizzazione delle proprie tradizioni, comunichiamo di voler dedicare i giorni precedenti alla commemorazione dei defunti alla riscoperta delle tradizioni. Ogni singola istituzione svilupperà proprie iniziative che avranno comune bandiera lo slogan “viva la cultura siciliana”. I dirigenti hanno inoltre invitano i docenti, in particolar modo quelli dell’ambito artistico e letterario e quelli di religione, a riscoprire le tradizioni storiche, religiose e sociali del territorio insieme ai propri alunni. 

Condividi questo articolo
2.453 visite

3
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
ElsasenzapelisullalinguaLuigi Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Elsa
Ospite
Elsa

Perché non pensano a combattere il bullismo all’interno delle loro scuole invece che pensare ad halloween

senzapelisullalingua
Ospite
senzapelisullalingua

Bravi…

Luigi
Ospite
Luigi

IL Pensiero di questi tre dirigenti e’un pensiero “Home “e non di certo istituzionale o nazionale in quanto devono essere combattuti criminalita’,bullismo e chi e’ deviato e strumentalizza tale festa .Questa festa di mezza stagione e’ simpatica e mondiale ,anzi unisce i giovani.Lo scrivente e’ un professionista affermato e questi dirigenti a mio giudizio non rappresentano alcunche’.