il capitano Francesco Terranova (FOTO OGGI MILAZZO)

Stanchi ma soddisfatti. E’ questo il clima che si respira all’interno della capitaneria di porto di Milazzo a poche ore dalla cerimonia di consegna della bandiera da combattimento alla fregata Luigi Rizzo. Una manifestazione organizzata dallo Stato maggiore della Marina Militare con il supporto della capitaneria mamertina guidata dal Comandante Francesco Terranova e del Comune di Milazzo che ha delegato, in particolare, l’esperto Pierpaolo Ruello.

Un lavoro cominciato oltre sei mesi fa e che il giorno della grande festa ha visto spiegare in tutto l’ambito portuale i sessanta uomini dell’autorità marittima di Milazzo. «E’ vero, siamo stanchi ma soddisfatti per il lavoro svolto – ammette – mi ha colpito in particolare l’affetto e il coinvolgimento dei cittadini che hanno presenziato non solo alle manifestazioni pubbliche (dal concerto della banda musicale della Marina alla cerimonia di consegna) ma in migliaia hanno fatto ore di fila per visitare la fregata Rizzo, vero gioiello di tecnologia italiana. Non avevo mai visto una cosa simile, forse solo per l’Amerigo Vespucci».

Da sinistra: Donato, Esibini, Arena, Terranova, Rossano, Principale

Terranova racconta delle continue riunioni tecniche cominciate quando c’era ancora il suo predecessore, il capitano di fregata Fabio Rottino, affinché il porto fosse pronto per lo svolgimento in sicurezza della cerimonia. «Il giorno della cerimonia tutto ha funzionato alla perfezione, ma per giungere al quel risultato sono serviti mesi di lavoro ed il contributo di tanti attori diversi. Sotto il coordinamento dello Stato Maggiore Marina, il Comando Marittimo Sicilia ha predisposto la cerimonia con cura minuziosa di ogni dettaglio. Sul luogo la Capitaneria e il Comune hanno curato l’organizzazione operativa dell’evento. In particolare la capitaneria si è occupata degli aspetti legati alla predisposizione dell’area portuale per lo svolgimento in sicurezza della cerimonia. A tal proposito voglio evidenziare il ruolo dell’Autorità portuale che ha messo a disposizione le aree ed ha eseguito importanti lavori di manutenzione. Tutto il mondo marittimo e portuale ha comunque risposto fornendo il proprio contributo e sopportando qualche limitazione alle ordinarie attività per consentire lo svolgimento in sicurezza della cerimonia».

Imponente anche la cornice di sicurezza a mare e a terra garantita dalla Marina Militare e da tutte le forze di polizia sotto il coordinamento della Prefettura e le relative disposizioni della Questura. Infine l’interfaccia tra il porto e la viabilità cittadina ha funzionato alla perfezione grazie al coordinamento con la Polizia municipale.

Terranova, però, un cruccio ce l’ha. «Mi vergogno a dirlo – conclude sorridendo – ma nella frenesia di questi giorni sono stato uno dei pochi a non riuscire a fare la visita guidata della fregata Luigi Rizzo».

Condividi questo articolo
3.073 visite

6
Rispondi

avatar
400
1 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
amilazzosenzalavorocarmeloamilazzosenzalavoroCarmeloSPRECO Recent comment authors
più recente meno recente più votato
amilazzosenzalavoro
Ospite
amilazzosenzalavoro

tutto bello per carità, ma, alla fine della fiera quanto è costato tutto ciò allo stato, e quindi a noi contribuenti??

SPRECO
Ospite
SPRECO

CONCORDO…Nel frattempo Vengono Tagliati i Fondi destinati agli Ospedali…tranquilli ci salverà la Marina Militare!

amilazzosenzalavoro
Ospite
amilazzosenzalavoro

CONCORDO, e aggiungo : le forze armate italiane sono sprechi iniziati dalla fine della 2° guerra mondiale, migliaia di miliardi di euro per mantenere un apparato pubblico inutile , che non ci salverà da niente e nessuno

carmelo
Ospite
carmelo

In linea teorica potrei essere d’accordo con te, ma purtroppo viviamo in una realtà complessa, dove il pacifismo totale unilaterale difficilmente funziona e sarebbe interpretato come un segno di debolezza; proprio per mare abbiamo bisogno di tutelare i traffici, gli interessi economici, la sicurezza delle coste e dei naviganti, altrimenti paghiamo un gendarme mondiale, che ci protegga…

amilazzosenzalavoro
Ospite
amilazzosenzalavoro

non parlavo di pacifismo, intendevo dire che in caso di un eventuale conflitto bellico verranno sempre gli stati uniti ( o la Nato) a difenderci: in questa ottica mantenere delle forze armate che fanno ridere i polli , solo “per facciata” non ha senso

Carmelo
Ospite
Carmelo

so per certo che la cerimonia è stata interamente sponsorizzata da aziende private ….quindi nulla è gravato a carico dello stato ne tanto meno a carico delle tasche di voi milazzotti….
si propri così mi meritate di essere nominati …voi che con le vostre critiche prive di fondamento avreste meritato che questa splendida manifestazione si fosse celebrata altrove.
Milazzotti vergognatevi.