Altra tegola sulle industrie di Milazzo. Il gip del tribunale di Barcellona Fabio Gugliotta stamattina non ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero di un procedimento per reati ambientali a carico di Pietro Maugeri nella qualità di direttore generale della Raffineria di Milazzo. Ad opporsi sono stati i legali di quattro dei 47 cittadini e l’associazione Adasc che hanno denunciato in procura presunti danni legati all’incendio della Raffineria avvenuto nel settembre 2014, alle emissione di sostanze pericolose e relative lesioni colpose. L’udienza in Camera di consiglio è stata fissata il 18 febbraio 2019 alle ore 9,30.

Il 12 e il 24 ottobre, invece, sono state fissate le udienze in cui si deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio a carico dei vertici della Ram sempre per reati ambientali. Associazioni ambientaliste ed enti locali hanno già fatto sapere che si costituiranno parte civile in un eventuale processo e stanno raccogliendo altre adesioni.

Condividi questo articolo
4.037 visite

8
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
pippomilazzosenzafuturomilazzese1Salvomilazzosenzafuturo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
milazzese1
Ospite
milazzese1

Premesso che la RAM deve tutelare la ns salute inquinando meno possibile, se parlate di smantellamento della fabbrica (cosa molto difficile), voi che date dei responsi senza senso, pensate prima all’alternativa altrimenti Milazzo e dintorni subirà lo stesso contraccolpo economico degli anni 80 quando fallì la gestione Monti (vecchio proprietario). Accendete il cervello prima di aprire bocca.

milazzosenzafuturo
Ospite
milazzosenzafuturo

ma quale contraccolpo?? calcola che i milazzesi (fra dipendenti + ditte esterne) sono quasi il 40% , i restanti sono tutti di fuori, alcuni addirittura del Nord italia

milazzosenzafuturo
Ospite
milazzosenzafuturo

ma quale tegola, non gli faranno un bel niente come è sempre avvenuto (purtroppo). L’ Eni è molto potente, penso che un piccolo tribunale di provincia
del sud italia non basti, ahimè

TESTAMAZZA
Ospite
TESTAMAZZA

Spero che la smantellano, l’impacchettano e se la portino nei loro paesi

Davide
Ospite
Davide

Uno che la pensa come me, finalmente! Ora vedrai quanti commenti e voti negativi arriveranno… 😉

TESTAMAZZA
Ospite
TESTAMAZZA

Davide, i commenti negativi non mi scalfiscono, possono solo arrivare da chi pensa che tutta la sua vita dipende (e specula ) dalla raffineria e non riesce a guardare oltre la punta del proprio naso, fregandosene di tutto e di tutti, compresa la sua famiglia e salute

pippo
Ospite
pippo

mah, spero che un giorno o nostri figli (compresi i tuoi) saranno più responsabili e sappiano andare nella direzione giusta.
Evviva il populismo e gli ambientalisti (finti e ignoranti)!!!

Salvo
Ospite
Salvo

Senza cervello!!!!!