Il comune di Milazzo non ha ottenuto i finanziamenti per l’apertura di cantieri di lavoro che prevedeva l’utilizzo di personale individuato tramite le liste di disoccupazione.

Il consigliere comunale Massimo Bagli ha presentato una interrogazione al sindaco per conoscere le ragioni per le quali la Regione ha rigettato l’istanza presentata dal Comune per ottenere un finanziamento e coprire le spese per la retribuzione del personale e di quanto necessario per dare una seppur minima risposta occupazionale ai numerosi disoccupati consentendo anche di realizzare diverse opere pubbliche con interventi di messa in sicurezza, riqualificazione, sistemazione di strade comunali.

I cantieri dovevano occuparsi di manutenzione stradale e dei marciapiedi, attività di custodia, pulizia giardini, decoro urbano e servizi sociali. La Regione dopo aver trovato ulteriori risorse per finanziare i progetti presentati dai Comuni negli anni scorsi, ha redatto la graduatoria di tutte le municipalità che hanno riscontrato il loro bando. Rispetto al passato vi sono stati dei “tagli” e nel caso di Milazzo, la somma che doveva essere messa a disposizione ammontava a 210 mila euro.

 

Condividi questo articolo

guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Salvo
Salvo
2 anni fa

Chi di competenza dovrebbe spiegare pubblicamente le motivazioni del mancato finanziamento.

Paolo
Paolo
2 anni fa

Lavori come quelli dei marciapiede sulla salita dei cappuccini, che dopo qualche mese e dopo la prima pioggia si sono abbassati? Me li ricordo il gruppo di “lavoratori”. sei sette che fumavano e due che provavano a lavorare. Buttare soldi per fidelizzarsi il voto è cosa che non ci possiamo più permettere. Era disonesto prima, oggi anche impossibile economicamente!

Yanez de Gomeira
Yanez de Gomeira
2 anni fa

siamo il comune n°1 in Italia per vergogna e negatività – ormai siamo sputtanati anche dal Burundi!

pippo
pippo
2 anni fa

Però la regione ed il comune operano bene presentandosi parte civile a processi inutili per distruggere un’industria sana e che da lavoro….

ben vi sta…

Antonio
Antonio
2 anni fa

E io che ho presentato la domanda….,ho perso solo tempo…., tutto ciò è inspiegabile, surreale, vergognoso….., l’unico comune fuori da tutto….. !!