Il Comune di Milazzo è uscito dal cosiddetto “regime di salvaguardia” che l’ha costretto a pagare un costo maggiorato dell’energia elettrica, rispetto ai prezzi del libero mercato.

Una penalizzazione scattata nel 2008 quando l’ente, ritenuto “cattivo pagatore”, era stato espulso dal mercato Consip. Da qui la necessità di sottoscrivere un piano di rientro degli ingenti debiti accumulati con i fornitori di energia elettrica che a loro volta avevano nel frattempo ceduto i crediti ad istituti bancari e finanziarie. Debiti che hanno pesato non poco sulle finanze comunali al pari delle maggiorazioni. Finendo nel “regime di salvaguardia” il Comune Milazzo pagava in più una somma pari ad euro 600 mila all’anno che adesso sarà risparmiata.

«Il ritorno alla normalità dopo tanto tempo – ha detto il sindaco Giovanni Formica – rappresenta un altro risultato di buona amministrazione nell’interesse della collettività. Ora rientrando in Consip abbiamo la possibilità di scegliere abbiamo puntato sul gestore che offre la tariffa più bassa».

Condividi questo articolo
2.837 visite

4
Rispondi

avatar
400
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
Mario LamettaAnonimococozenero32@gmail.comVoce dei fatti Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Mario Lametta
Ospite
Mario Lametta

Che vengano destinati alle scuole… senza se e senza ma… rispariati 600K€? Che vengnao interamente destinati a tutte le scuole… e non 599… ma prorpio 600.000. A far sapere che risparmiamo siamo bravi… adesso bisogna “impiegare” nel modo più corretto proprio quei risparmi…

Anonimo
Ospite
Anonimo

Ma buona amministrazione di che?? Siamo ricoperti di spazzatura e non si vede uno spazzino a nessuna ora, le strade sono ridotte una fogna…. Ritirarti ridarebbe un pò di dignità a questa città!!!

cocozenero32@gmail.com
Ospite
cocozenero32@gmail.com

Ottimo lavoro. E’ normale che si risparmia, tutte le strade sono al buio, a cominciare dal capo Milazzo fino alla periferia. Se forse non te ne sei accorto la gente non ti vuole più, te ne devi andare. Qualsiasi cosa fai per i cittadini è sbagliata perché non sei stato cosa dall’inizio e continui a non essere cosa di stare seduto lì. E’ arrivato il momento di dimetterti.

Voce dei fatti
Ospite

L’altro risparmio e dato dai pali mancanti ho non funzionanti….