ISTITUTO COMPRENSIVO PRIMO.La musica è la tisana perfetta per tranquillizzarmi!”. E’ questo il nostro motto. Ci chiamiamo Sophia e Angelo e siamo due giovani pianisti della scuola media “G. Garibaldi” di Milazzo. Entrambi frequentiamo la II A e in comune abbiamo una forte passione per la musica, in particolare per il pianoforte. In questo articolo vi raccontano la nostra storia.

ANGELO INTERVISTA SOPHIA. “Il mio amore per il pianoforte è nato pian piano, potrei dire che la musica è cresciuta con me”. Esordisce con queste parole Sophia De Mariano, quando le viene chiesto com’è nata questa sua passione. «Mia mamma ha sempre adorato questo strumento, ma suo padre non le ha mai consentito di studiarlo. Forse nasce da questo suo profondo desiderio la mia voglia di imparare a suonare il pianoforte». Sophia racconta di aver cominciato con un’insegnante che ha contribuito ad alimentare questa passione e l’ha fatta innamorare di questo strumento. Ha proseguito poi gli studi con il suo attuale professore, con il quale perfeziona la tecnica e ha iniziato il metodo classico dello studio del pianoforte, con esercizi più complicati, come: solfeggio, scale, martelletti e brani famosi come quelli di Bach e Clementi. Ha partecipato a diverse rassegne musicali con pezzi come solista e a “quattro mani”. Sogna di entrare presto al conservatorio.

SOPHIA INTERVISTA ANGELO. Per Angelo Impalà, anche se in modo diverso, ha influito il fattore “mamma”. La sua mamma, infatti, è una pianista: studiava ancora quando aspettava Angelo. Probabilmente, quindi, già dal pancione nasce questo suo amore per i tasti bianchi e neri. «All’inizio, intorno ai 7,8 anni, non mi andava proprio di mettermi a suonare come diceva mia mamma. Ma ad un certo punto è scattato qualcosa che ha fatto nascere in me questa voglia. Adesso non passo neanche un giorno senza suonare». Angelo ama suonare pezzi classici come quelli di Beethoven o Chopin, ma anche moderni come quelli di Yruma, Einaudi e Allevi. Non sa ancora se vorrebbe intraprendere seriamente lo studio del piano, magari andando al conservatorio, perché un’altra sua passione sono le materie scientifiche. Ma c’è ancora molto tempo per pensarci. Anche lui ha partecipato a rassegne musicali e a concorsi, dove ha vinto due borse di studio.

A noi piace esibirci volentieri anche a scuola. Siamo sempre entusiasti ogni volta che il professore ci invita a partecipare agli eventi nell’auditorium. Siamo rimasti colpiti da un articolo pubblicato l’estate scorsa sulla pagina facebook della scuola, in cui si parlava di Giovanni Andolina, un ex studente della “Garibaldi” che adesso è un famoso compositore di musica statunitense. Si rivedono molto nelle parole che Andolina rilascia al giornalista, specialmente quando ricorda l’emozione che si prova prima dell’esibizione davanti a tutti gli allievi e docenti della scuola in auditorium. «Magari il frequentare questa scuola ci porta la stessa fortuna che ha portato a lui. Sarebbe bello anche conoscerlo di persona: potremmo fargli delle domande e magari, perché no, suonare insieme a lui».

SOPHIA DE MARIANO, ANGELO IMPALA’

II A Media Garibaldi

 

Condividi questo articolo