MILAZZO. Nella storica scenografia di Palazzo D’Amico si è svolto domenica scorsa l’evento “Echoes: favole dal mare”, iniziativa organizzata da Anna Parisi e Cristina Sottile, patrocinata dall’Associazione “Arte e a Capo” e inserita tra gli appuntamenti del cartellone de “Il Maggio dei Libri” promosso dall’assessore alla Cultura Salvo Presti.

La serata è cominciata con la descrizione del progetto “Echoes” nato con l’intento di realizzare una mostra di “opere indossabili” ovvero fatta di tessuti stampati e dipinti con disegni inediti di Anna e Cristina. Le grafiche si sono basate sul mondo fiabesco delle misteriose sirene e del mare unendo come “echi” il mondo incantato e magico delle bambine con quello delle donne diventate anch’esse “sirene”. Echoes sono gli “echi” che raccontano luoghi della città del Capo, penisola del sole e del mare, descritti fiabescamente anche nella favola “La Baia delle sirene” presentata dalla docente di Filosofia, Nuccia Isgrò. La performance è stata accompagnata dalle note delicate dei flauti diretti dal maestro Daria Grillo delle ex allieve della Scuola di I grado B. Genovese di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il defilè è iniziato con la presentazione dei modelli per bambine e si è concluso con quella delle donne. Hanno sfilato, con i capi realizzati artigianalmente, donne dai 3 ai 50 anni, con diverse fisicità, valorizzando i concetti di “diversità in quanto bellezza” e “in fondo siamo tutte sirene”.

Le acconciature della modelle che hanno sfilato a Palazzo D’Amico sono state realizzate da Compagnia Della Bellezza Gentile Group.

Condividi questo articolo