Ieri, domenica 6 Maggio, più di cento volontari si sono riuniti nella Baia di Sant’Antonio a Capo Milazzo per ripulirla dalla plastica che la deturpava da anni.
L’iniziativa è stata ideata e organizzata dal biologo Carmelo Isgrò, autore del libro “Guida alla Natura di Capo Milazzo”.

Tante le associazioni e i singoli cittadini di tutte le età che hanno percorso il sentiero che porta alla spiaggia, per dare un proprio piccolo contributo, che unito a quello degli altri è diventato enorme.
Commenta Isgrò: “Non c’erano differenze di età, di bandiere politiche, di colore, di religione… eravamo tutti uguali e tutti uniti!
«Oggi, grazie ai miei concittadini, sono fiero di essere milazzese! Ringrazio ai più di cento amanti della Natura e del Mare che hanno “investito” la loro Domenica per questa causa. E per quanto possa essere stato pesante e faticoso… la cosa incredibile è che ci siamo divertiti a farlo!
A tutti noi è rimasta una cosa di quest’evento: una più lucida consapevolezza che l’uomo sta rovinando un pianeta bellissimo, trasformandolo in una enorme discarica! cosa possiamo fare per rimediare? … differenziare, ripulire e sensibilizzare».

L’evento ha visto la collaborazione di molti, a partire dal Comune di Milazzo che tramite l’Assessore all’ambiente Damiano Maisano ha fornito i sacchi, la Capitaneria di Porto di Milazzo con il Comandante Fabio Rottino, la Guardia di Finanza con il comandante della Sez. Navale di Milazzo Carmelo Di Franco e il Colonnello Vincenzo Tomei che hanno fornito centinaia di guanti (così resistenti da poterli riutilizzare, non sprecandoli ma riciclandoli) e il grande aiuto di Mare Pulito che grazie al Comandante Francesco Giamboi ha messo a disposizione mezzi e uomini per portare a terra la plastica, presa in carico poi dagli uomini della Loveral.

Tante le associazioni che hanno partecipato attivamente alla pulizia: Wearedrops, Lute Milazzo, Italia Nostra, “Io Ti Invito”, Adasc, Dugongo Team, Lega Navale Italiana , Ama Camminare In Sintonia Milazzo, Associazione Teseo, Uciim, Società Milazzese Di Storia Patria, Collettivo Mi_Lab, La Compagnia Del Castello,  Associazione “Il Promontorio”, Associazione Pfm, Admo, Movimento Sportivi Milazzesi, Scout Agesci Milazzo2, Unione Rugby Aquile Del Tirreno, Aquatica, Me&Sea.

La “pulizia manuale delle spiagge” è un metodo ecosostenibile, un metodo non invasivo e non distruttivo per la flora e fauna, che rispetta l’ambiente naturale costiero.

Conclude Isgrò: «Milazzo è bagnata dal mare per quasi tutto il suo perimetro… le spiagge sono tante e tutte hanno bisogno del nostro aiuto. Fortunatamente però noi siamo numerosi e ieri abbiamo dimostrato la nostra forza e che “cambiare si può”, senza aspettarsi troppo “dagli altri”…presto vi richiamerò per pulire un altro angolo di paradiso di Capo Milazzo».

GUARDA I VIDEO: (CLICCA QUI) e (QUI)

Condividi questo articolo
4.231 visite