L’avvocato Diego Lanza

Rischiavano una condanna dai 10 ai 15 anni per tentato omicidio ma il giudice del tribunale dei minori di Messina, Claudia Bernardo, ha disposto la sospensione del processo con messa alla prova dei due giovani milazzesi che nelle notti del 29 ottobre, 5 e 12 novembre scorsi si sono resi responsabili del lancio di sassi da un cavalcavia di contrada Grazia. I giovani (di cui oggi uno maggiorenne) hanno ottenuto la sospensione del processo per 20 mesi, periodo durante il quale la loro condotta sarà monitorata per valutarne l’esito. Qualora gli stessi non si renderanno autori di altri reati e proseguiranno il percorso di recupero e rieducazione già intrapreso, il procedimento sarà estinto.
I due avevano ammesso da subito le colpe e sono stati ammessi alla prova alla luce della condotta tenuta in tutto questo periodo sin dall’arresto, circostanza che oggi ne ha determinato la revoca della misura cautelare.
I lanci di lastre di cemento sono avvenuti dal cavalcavia numero 8 dell’Autostrada A/20 Messina – Palermo in direzione Messina. Le famiglie dei due giovani hanno risarcito buona parte del danno ai privati danneggiati dal lancio. «E’ stato dimostrato – spiega uno dei legali, l’avvocato Diego Lanza, impegnato nella difesa di uno dei minori (l’altro era assistito dal collega Gianni Pino ) – che i due giovani anche grazie alle loro famiglie hanno dimostrato di essere soggetti oltre che non appartenenti ad alcun circuito delinquenziale certamente non deviati ma autori sicuramente di una bravata che fortunatamente non ha avuto esiti tragici».

I difensori sottolineano la bontà delle scelte processuali che oggi hanno dato i risultati positivi accolti dal Tribunale. «Abbiamo pensato ai ragazzi sin da subito – afferma l’avvocato Lanza –  senza pensare al processo , alle norme e al reato. Ci abbiamo creduto sin da subito e i ragazzi hanno dato le risposte che cercavamo».

Si chiude così una brutta storia che certamente i due minori cercheranno di lasciare alle spalle e guardare al futuro con maggiore coscienza.

Condividi questo articolo

guest
18 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
senzapelisullalingua
senzapelisullalingua
3 anni fa

Come avevo previsto…in italia chi opera una qualsiasi illegalità viene premiato con tarallucci e vino..mai con dei sonori e salutari ceffoni!!!

Vergogna
Vergogna
3 anni fa

Stasera tutti a lanciare sassi, tanto se poi finisce così…

Salvo
Salvo
3 anni fa

Quello che il giudice ha concesso, è procedura, comune richiesta da tutti i legali che si occupano di reati compiuti da minori.Non capisco questa notiziona

La gazza
La gazza
3 anni fa
Reply to  Salvo

Non è proprio così perché non è per nulla scontata ne’ liberamente fruibile. Dipende dalla condotta che il soggetto minorenne ha tenuto nel frattempo ovvero dall’arresto fino all’udienza preliminare. In questo caso sono passati sei mesi. La sua analisi non coglie.

salvo
salvo
3 anni fa
Reply to  La gazza

ma nel caso specifico di questi ragazzi non stiamo parlando di delinquenti, ma di persone appartenenti a buone famiglie,dunque ritengo che il giudice ha tenuto conto principalmente di questo, e qualunque avvocato avrebbe introdotto messa alla prova.

La gazza
La gazza
3 anni fa
Reply to  salvo

Si sbaglia e ritiene male. Conosce gli atti del processo o le relazioni? Non credo. Il giudice ha considerato e tenuto conto delle relazioni comportamentali degli assistenti sociali, degli psicologi e di tutti gli operatori che hanno seguito i minori. Tutto il resto sono chiacchiere da bar e qualunquismo. I genitori sono i primi che si sono messi in gioco e in discussione.

Salvo
Salvo
3 anni fa
Reply to  La gazza

Comunque per me questo articolo è solo per fare pubblicità a uno degli avvocati della difesa.

La gazza
La gazza
3 anni fa
Reply to  Salvo

Può darsi ammesso che ne abbiano bisogno

Paolo
Paolo
3 anni fa

Mi sembra giusto. Se non sei un delinquente abituale e butti lastre di cemento da un cavalcavia, e ti va di c…., puoi continuare a vivere la tua vita. Pensa se i genitori non potevano permettersi il pagamento dei danni. Chi non ha mai pensato di lanciare massi da un cavalcavia. Lo facciamo tutti. Complimenti vivissimi

Antonio
Antonio
3 anni fa

Allora ora gli diamo un premio…..era solo una bravata,….

Stato di diritto
Stato di diritto
3 anni fa
Reply to  Antonio

Infatti non hanno ricevuto nessun premio ne’ glielo stanno dando.

Antonio
Antonio
3 anni fa

Ma neanche una punizione..

Anonimo
Anonimo
3 anni fa
Reply to  Antonio

Non è a conoscenza dei fatti e parla per dar aria alla bocca, ma intanto che dobbiamo aspettarci dai milazzesi che guardano sempre le corna degli altri…. auguri 😉