«Ecco come si presenta la spiaggia della Baia di Sant’Antonio… una belle più belle baie della Sicilia (per non dire d’Italia) affogata da un mare di plastica, plastica, plastica e ancora plastica“. A pubblicare sui social la foto con questo testo ieri, 1 maggio, è stato il biologo Carmelo Isgrò, autore del libro”Guida alla natuira di Capo Milazzo” (Lombardo Edizioni). Migliaia di persone si sono riversate al capo per la classica “scampagnata” ma l’angolo tra i più suggestivi si presentava pieno di rifiuti depositati sulla spiaggia dal mare.Proprio per questo domenica 6 maggio, alle ore 8, subito dopo Gigliopoli, è stato fissato l’appuntamento per “liberare” la spiaggia dalla plastica. Ad essere inviati tutti i cittadini, le associazioni e coloro che amano il Capo Milazzo. Basta presentarsi con l’attrezzatura necessaria (guanti da giardinaggio, cappellino, acqua). La prima associazione ad aderire è stata la Lute.

«Non amo mostrare questi scempi della natura, anzi mi vergogno proprio a fare vedere che questa triste realtà appartiene a lla mia città – scrive Isgrò – Fino ad ora, attraverso le mie attività (il libro, le mostre fotografiche), ho sempre mostrato le bellezze di Capo Milazzo, il volto “pulito” della mia città, perché è questa l’immagine che voglio che i turisti vedano: un posto meraviglioso, il paradiso naturalistico che realmente è. Ma oggi ho sentito il Capo gridare “Aiuto!” e non posso rimanere indifferente».

Condividi questo articolo
2.641 visite

12
Rispondi

avatar
400
7 Comment threads
5 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
Antonio TorreFrancescoJessAttilio D'Asdiaciccio Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Francesco
Ospite

sono daccordo con carmelo se non prendiamo iniziativa noi cittadini… che ci sta veramente a cuore il nostro mare,chi la deve prendere le autorità competenti! stai trnquillo che la spazzatura un giorno ci sommeggerà…vedi come l’hanno ridotta…

Francesco
Ospite

sono daccordo con carmelo se non prendiamo iniziativa noi cittadini… che ci sta veramente a cuore il nostro mare chi la deve prendere le autorità competente! stai tranguillo che la spazzatura un giorno ci sommeggera …vedi ls citta come l’hanno ridotta…

Jess
Ospite
Jess

Ottima iniziativa , il mare porta tantissima plastica ed almeno adesso c’è qualcuno che si prende la responsabilità di pulire la spiaggia

Attilio D'Asdia
Ospite
Attilio D'Asdia

I ragazzini delle Aquile del Tirreno di Rugby non impegnati in attività federali, saranno presenti.

Onnep
Ospite
Onnep

Le spiagge andrebbero pulite ogni settimana ed ogni giorno da aprile ad ottobre. Basterebbe tassare la depurazione delle acque, lo sciacquone insomma.