La comunicazione ufficiale della Regione non è ancora arrivata ma è certo che il Comune di Milazzo abbia ottenuto il finziamento per riqualificare il vecchio mercato coperto di via Pescheria, alle spalle della Posta. Con le risorse previste dal bando del “Dipartimento della famiglia e delle politiche sociali” della Regione – 36 milioni di euro complessivi – per finanziare “Interventi di recupero funzionale e riuso di vecchi immobili di proprietà pubblica in collegamento con attività di animazione sociale e partecipazione collettiva” consentiranno di realizzare un centro servizi a supporto delle attività turistiche. L’iter è stato curato dall’Ufficio Europa del palazzo municipale con a capo l’eserto gratuito Giovanni Mangano. L’obiettivo dell’Amministrazione è quello di trasformare l’attuale struttura in uno spazio di coworking da mettere a disposizione di giovani professionisti e imprenditori disposti a condividere ambienti e strumenti ai quali altrimenti, per gli elevati costi, non avrebbero accesso. Il comune di Milazzo si sarebbe piazzato al 16° posto in graduatoria.

L’altro progetto di cui si attende notizia (la Regione ha chiesto chiarimenti sul progetto) riguarda una struttura sportiva polivalente a Bastione, il costo previsto è di 600 mila euro. A reve si dovrebbero avee anche notizie su questa opera.

guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Ernesto
Ernesto
4 anni fa

Direi anche grande merito alle associazioni che hanno collaborato per il progetto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Davide
Davide
4 anni fa

Senti questa: centro servizi a supporto di attività turistiche. Questo il progetto di riqualificazione del vecchio mercato coperto. Domando: “Ma a Milazzo esiste il turismo?”. A parte il turismo di tipo “mordi e fuggi” e il passaggio quasi obbligato per le isole Eolie, vera attrattiva, esiste un turismo? Dove? a Ponente, tra le sterpaglie e i fazzolettini? a Levante, vista raffineria?

Cicciopasticcio
Cicciopasticcio
4 anni fa
Reply to  Davide

Il turismo non lo fa il turista,lo fa chi abita nel luogo turistico.scusate le troppe volte che cito turismo in 2 righe.ma vi sembra giusto che in un paese come Milazzo non si deve sfruttare la posizione geografica?cambiate mentalità e uscite dal guscio.aprite gli occhi e non siate pigri.non riempitevi le tasche di soldi altrui.

Mylae
Mylae
4 anni fa

Perfettamente d’accordo con Cicciopasticcio, noi vogliamo il turismo ma non ci facciamo problemi a svuotare i posaceneri per strada, a lasciare rifiuti in spiaggia, a lscaiare le macchine in doppia fila perenne poichè due passi a piedi fanno male…Iniziamo noi cittadini ad avere cura della nostra città….

Davide
Davide
4 anni fa

Il turismo lo fa chi investe nel luogo; anche un non milazzese (un messinese, per es.a) potrebbe investire nel turismo di Milazzo, non è necessario risiedere nella città. Il turista è solo un mezzo, per così dire, una conseguenza di un investimento, di un servizio (ricettivo, ricreativo, ecc.) erogato. Se il lungomare di ponente venisse attrezzato come a Riccione, altro che crisi e raffineria!