È “Il padre della sposa” la nuova commedia proposta dalla compagnia Sceluq ensemble teatrale, in scena al teatro Annibale Maria di Francia di Messina il prossimo sabato 3 marzo con due repliche, alle 17,30 e alle 21.

Anche quest’anno Sceluq non manca di collaborare a iniziative di solidarietà, dedicando uno spettacolo, il 2 marzo, all’Associazione23, gruppo costituito da giovani che hanno rivolto l’iniziativa alla memoria dell’amico Pietro Guerrera, prematuramente scomparso. Obiettivo dei ragazzi è l’evento 23Fest, un festival senza fini di lucro, gratuito ed autoprodotto. Il 23Fest si terrà a Capo Peloro il prossimo 23 giugno e vedrà la partecipazione di numerose band locali che offriranno la propria musica in ricordo dell’amico comune. Associazione23 ha avviato una raccolta fondi online (https://buonacausa.org/cause/23fest) e promuoverà nei prossimi mesi diversi eventi durante i quali sarà possibile contribuire al finanziamento del festival.

“Il padre della sposa” ricopre un ruolo cardine nella storia cinematografica e teatrale mondiale. Ispirata al libro di Edward Streeter “The Father of the Bride” del 1949, fu portata sul grande schermo da Vincente Minnelli nel 1950, guadagnando, dall’American Film Institute, l’ottantatreesimo posto nella classifica delle cento migliori commedie americane di tutti i tempi. A curare la prima trasposizione in teatro, la sceneggiatrice Carolyne Francke, nel 1951.

La storia vanta diversi remake cinematografici (celeberrima la versione con Steve Martin del 1991) e numerose repliche a Broadway e nei teatri di tutto il mondo, merito probabilmente del tema così coinvolgente e sempre attuale.

La trama infatti si basa sulle gelosie di un padre, interpretato da Enzo Giammillaro, che vede ritornare la propria figlia Katy (Rebecca Longo) dall’America felicemente fidanzata e in procinto di sposarsi. Fra mille peripezie e rocambolesche gag tenterà maldestramente di ostacolare il matrimonio, caldeggiato fortemente dall’esuberante moglie (Sabrina Sciabà). Completano il cast Mario Smilare, che interpreta i “pensieri” del padre, Daniele Marino, il fidanzato altezzoso di Katy, Matilde Perissinotti Bisoni e Piero Pino, i consuoceri, Gaetano Lamberto, brillante interprete del wedding planner, Pina La Monica, la cartomante , e Manola Sciabà, la stalker.

La regia è affidata per la quarta volta consecutiva a Nino Gangemi, che ormai dirige Sceluq con brillante originalità, cimentandosi in sfide sempre più ardite. Lo spettacolo infatti si dipana in un turbinio di cambi scena, sketch esilaranti e momenti di intensa tenerezza. La commedia andrà in scena al teatro Annibale Maria di Francia di Messina sabato 3 marzo con due repliche, alle 17,30 e alle 21.

Le prenotazioni dei biglietti sono già disponibili telefonando al numero 347 619 33 11. Come negli ultimi anni, la videomaker Sabrina Sciabà ha realizzato un simpatico spot (https://www.youtube.com/watch?v=KP3zwoOFfYo), preludio della pièce teatrale e girato presso alcuni locali di Capo Peloro, che hanno simpaticamente partecipato alle riprese.

 

Condividi questo articolo
1.130 visite