Chiusura campagna elettorale per le elezioni regionali siciliane a favore della lista “Cento passi per la Sicilia” che promuove alla presidenza della Regione il giornalista Claudio Fava. Domani, giovedì 2 novembre, alle ore 18, alla biblioteca di Palazzo D’amico di Milazzo, interverrà il senatore Corradino Mineo nel’ambioro del convegno “L’isola che non c’è”. «Il titolo dell’assemblea- che riprende i versi di Edoardo Bennato – è una critica alle politiche del passato – si legge in una nota –  ai soliti noti che progettano il ritorno al potere, nascosti sotto il volto rassicurante di Musumeci e di Micari. Proprio loro sono responsabili delle scelte sbagliate che hanno rosicchiato il patrimonio umano e ambientale siciliano, delle tante occasioni mancate per contrastare l’esodo dei siciliani, 10mila ogni anno, l’occupazione femminile al 29.6% e la dispersione scolastica al 24%. Un’isola che non c’è più, che scappa altrove, che non trova più se stessa».

Ma è anche una proposta per il futuro, un’isola che non c’è ancora, che punta sul lavoro, sui giovani, sulla protezione dell’ambiente e la promozione della cultura, una Sicilia che esiste già nel quotidiano di tanti ma che non ha voce nel dibattito pubblico e nelle scelte politiche. «Siamo convinti che la candidatura di Fava e della lista Cento passi portino un messaggio di speranza verso il futuro, non un’idea rassegnata del domani, ma la convinzione che la politica possa davvero migliorare le condizioni di vita delle siciliane e dei siciliani».

Durante l’assemblea “l’Isola che non c’è”, introdotta dagli interventi di Antonio Foti e Federico Nastasi, verrà presentato il programma della lista e interverranno i candidati della provincia di Messina e concluderà il senatore Corradino Mineo, già direttore di RaiNews24.

Condividi questo articolo
779 visite