Nonostante le proteste dei residenti la Prefettura di Messina invierà a Milazzo venti profughi che saranno ospitati in un centro di prima accoglienza (Cpa) allestito nella ex scuola elementare di Fiumarella. A confermarlo è stato il prefetto Francesca Ferrandino nel corso di un incontro tra il presidente del Consiglio Comunale Gianfranco Nastasi, delegato dai consiglieri ed accompagnato dai colleghi Santino Saraò, Fabrizio Spinelli, Nino Italiano e Maurizio Capone, i rappresentanti del Comitato cittadino di Fiumarella avvocati Alfredo Zappia e Andrea Gitto, e il sindaco Giovanni Formica accompagnato dalla Segretaria Comunale. Alcuni operai hanno già avviato operazioni di bonifica all’interno della struttura che rimane chiusa da anni. I venti profughi si aggiungono ai ventisetti già ospitati nella parrocchia di Grazia e i cinquanta minori negli Sprar gestiti dalla Coop Utopia. Il prefetto si è reso disponibile anche a prendere in considerazione l’utilizzo di altri immobili nel caso si presentino altre proposte. Il consiglio comunale ed i rappresentanti del Comitato di Fiumarella hanno incontrato le associazioni e le Ipab alla ricerca di una soluzione alternativa.

Condividi questo articolo