Il capodoglio spiaggiato a Capo Milazzo non verrà spostato ma sarà lasciato a decomporsi in maniera naturale. A stabilirlo una riunione che si è tenuta al Comune di Milazzo a cui hanno preso parte il sindaco Giovanni Formica; il comandante della capitaneria Fabio Rottino con l’ufficiale Enrico Arena; i dottori Giovanni Patti ed Emilio Scilipoti in rappresentanza dell’Arpa; il dottore Raimondo Fiumara per l’Asp; il dottore Michele Fiasconaro per l’Istituto Zooprofilattico di Palermo; il dottore Pietro Battaglia per l’Ispra.

Dopo il sopralluogo con il rappresentante di una ditta specializzata in rimozione e smaltimento di carcasse animali, si è accertata la materiale impossibilità di operare la rimozione del capodoglio, tanto per la sua attuale collocazione, a ridosso della scogliera, quanto per le condizioni di avanzato stato di decomposizione in cui si trova. Visto che non si registrano pericoli evidenti per la salute e per l’ambiente, si è deciso di non disporre interventi e di continuare a monitorare il cetaceo. La decisione è stata suffragata da una premessa: i partecipanti hanno preso atto che la carcassa del capodoglio lungo otto metri non costituisce rifiuto, come sottolineato dai rappresentanti dell’Asp e dell’Arpa.

In un primo momento la Capitaneria aveva ipotizzato di spostare la carcassa al largo per inabissarlo. Ma dopo un primo “timido” tentativo andato a vuoto si è ritenuto opportuno cambiare strategia.

Condividi questo articolo

guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Massimo cittadino onesto
Massimo cittadino onesto
3 anni fa

Qui guadagni non c’è né , al tono con i copertoni si può la entra l’euro

enzo
enzo
3 anni fa

Certo che a Milazzo abbiamo dei geni che prendono decisioni e tutelano la salute dei cittadini . Che schifo !!! Ma sapete quanto tempo ci vuole a decomporsi ? E poi col caldo per quanto tempo ci sarà quel fetore che emana ? Può provocare malattie , infezioni ?

Zarathustra
Zarathustra
3 anni fa

Ma le cose “semplici” non vi piacciono? Basterebbe imbracarlo, trascinarlo nel canale tra Milazzo e Stromboli, legarlo ad un corpo morto ed inabissarlo ad una profondità di oltre mille metri. Sarebbe utile agli organismi che vivono a quelle profondità che se ne nutrirebbero e non creerebbe inquinamento sulla costa. Semplice…no?

Decomposizione a perdere
Decomposizione a perdere
3 anni fa

Lasciare una carcassa di alcune tonnellate a marcire al sole e all’acqua non costituirebbe un pericolo evidente per la salute e per l’ambiente? E per esserlo che ci voleva? Che andasse a finire direttamente nel depuratore????

CAPASSO MARIO
CAPASSO MARIO
3 anni fa

INCREDIBILE ……..