«Nel periodo di intervento delle valvole di sicurezza (tre minuti tra apertura e chiusura) si è generata una emissione sonora determinata dalla fuoriuscita del vapore acqueo in atmosfera. I sistemi di abbattimento degli inquinanti sono rimasti regolarmente in esercizio e funzionanti e tutte le misure, registrate al camino, si sono sempre mantenute nella norma». A sostenrlo è una nota ufficiale di  A2A Energiefuture, proprietaria della centrale termoelettrica di San Filippo del Mela. L’azienda è intervenuta  sul forte boato che alle 00:03 di stanotte ha tenuto con il fiato sospeso i residenti del comprensorio di Milazzo.

ma cosa è successo? Secondo quanto sostiene l’azienda «si è verificato un intervento del sistema di regolazione della pressione della miscela acqua-vapore della caldaia del gruppo 1 da 160 MW. Tale evento – continua – ha comportato, come da prassi, l’attivazione del sistema di sicurezza e protezione di cui è dotata la caldaia, determinando l’azionamento delle valvole di sicurezza con conseguente scarico del vapore acqueo in atmosfera».

Condividi questo articolo
789 visite

5
Rispondi

avatar
400
4 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
tecnicoPaoloIgnorante e in bolletta.Catonejohn caccamo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Paolo
Ospite
Paolo

Era il forno a vapore dei biscotti di Banderas…..dormite sereni e tranquilli, concittadini, i biscotti si son salvati! Ipocriti

Ignorante e in bolletta.
Ospite
Ignorante e in bolletta.

Ma a chi vogliono prendere in giro….
sono uscito di casa alle 5 del mattino per andare in aeroporto.
Signori, non si respirava, puzza impressionante…..
La notte e quando piove , smollano di tutto di più.

tecnico
Ospite
tecnico

quegli odori arrivano dalla raffineria non dalla centrale…

Catone
Ospite
Catone

Ma nessuno ha niente da dire?
tutto normale?
vabbè….adesso si che mi sento rassicurato.

john caccamo
Ospite
john caccamo

in effetti non c’è nessun pericolo di fumate nocive.
Se casomai dovesse saltare in aria “qualcosina” si rischia solo di fare la fine che hanno fatto fatto i giapponesi di Hiroshima e Nagasaki nel ’45…