Sarà l’Associazione temporanea d’impresa tra Giesse Costruzioni srl e la Bruno Teodoro spa a gestire il Faro di Capo Milazzo, la struttura, infatti, verrà trasformata in un piccolo hotel con 5 suite. La ditta ha ottenuto il punteggio più alto relativo alle offerte economiche ammesse per il Bando Valore Paese Fari 2016. L’agenzia, nei mesi scorsi, aveva messo all’asta la concessione ventennale dell’alloggio del custode del Faro di Capo Milazzo (280 mq a cui si aggiungono 1328 mq di pertinenza).

Investiranno oltre 11 milioni di euro le imprese italiane ed estere che si sono aggiudicate per i prossimi anni (fino ad un massimo di 50) la gestione di 15 tra fari e strutture costiere del secondo bando di Valore Paese del Demanio. Lo stato, spiega l’Agenzia del Demanio incasserà, oltre 420 mila euro di canoni annui per una cifra complessiva di 8 milioni di euro.

A tentare di aggiudicarsi la struttura di Milazzo erano stati la Tarnav srl e un’Ati di Capo D’Orlando, costituita dalla Giesse Costruzioni e dalla Bruno Teodoro Spa. Ad aggiudicarselo l’ATI di Capo D’Orlando, che realizzerà un mini Hotel (5 stanze) con annesso piccolo museo.

La ditta dovrà garantire la fruibilità pubblica della struttura e l’accessibilità del faro e delle aree esterne di pertinenza.

Ultimate tutte le verifiche amministrative previste dalla procedura di gara si procederà alla stipula degli atti di concessione e nei prossimi mesi inizieranno i lavori di recupero e riqualificazione pari a 250 mila euro.

Ad opporsi al bando era stata la Fondazione Lucifero che aveva ceduto nel secolo scorso l’area esclusivamente per dare un alloggio al custode della lanterna e non per fini di lucro.

Condividi questo articolo
2.285 visite

6
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
domenico giorgianniAntoJackAnonimoZarathustra Recent comment authors
più recente meno recente più votato
domenico giorgianni
Ospite
domenico giorgianni

OGNI OPINIONE ANCHE SE NON CONDIVISIBILE VA COMUNQUE RISPETTATA MA CARO ZARATHUSTRA LA TUA E’ UNA MINCHIATA

Anto
Ospite
Anto

Per una corretta lettura, tutte le parole “ditta” dovrebbero essere sostituite con associazione temporanea d’imprese, ovvero con “le due società”, non ravvedendo nell’articolo di cronoca alcuna ditta individuale bensì una S.r.l. ed una S.p.a.

Zarathustra
Ospite
Zarathustra

Complimentoni all’amministrazione comunale per l’inerzia, incapacità e ignavia. Un’altro tesoro strappato alla nostra comunità. State facendo danni incalcolabili sia economici oltre che amministrativi e d’immagine. Abbiate il buon gusto di dimettervi. Grazie

Anonimo
Ospite
Anonimo

Ma hai letto l’articolo o fa sulu sputazza? È un decreto ministeriale e nn comunale

Jack
Ospite
Jack

Per la serie piove governo ladro. Partendo dal presupposto che il faro è di proprietà demaniale e che il comune non riesce a pagare nemmeno i vigili quale sarebbe stata la soluzione? Illuminaci! Cmq bravo sai cercare nel vocabolario

ANONIMO
Ospite
ANONIMO

HAI LETTO L’ARTICOLO DOVE DICE CHE IL FARO APPARTIENE AL MINISTERO O FA’ SULU SPUTAZZA?