Ci sono voluti quasi tre anni per far smaltire l’amarezza a Costa Crociere e far ritornare a Milazzo una delle sue navi. Martedì 2 maggio è previsto nel porto cittadino l’approdo della nuova nave della compagnia Costa Crociere. Si tratta della “Neoriviera” che accoglie circa 1700 passeggeri. La nave rimarrà in porto dalle 8 sino al pomeriggio per consentire ai passeggeri di partecipare alle escursioni programmate in città o nel territorio. Oltre 1000 crocieristi resteranno in città.

Un’ottima occasione dunque per Milazzo che è pronta ad assicurare una festosa accoglienza. Nel settembre 2014 una nave Costa nel giro di poche ore aveva accumulato migliaia di euro di multe (seppure legittime) per delle piccole infrazioni su cui gli uomini della capitaneria di porto non hanno voluto transigere. E’ bastatato tanto – secondo quanto assicurano gli addetti ai lavori – per non fare attraccare più le navi dell’armatore.

I PRECEDENTI. Martedì 30 settembre 2014, quando approdò una nave della Costa crociera con 1500 passeggeri, le cose non sarebbero andate per il verso giusto. Ad accogliere i croceristi è stata una nube di fumo nero proveniente da un incendio alla Raffineria di Milazzo (i turisti invece di fotografare i monumenti puntavano gli obiettivi verso l’industria), dall’altro un’accoglienza che avrebbe lasciato scontenti i passeggeri (negozi chiusi e navette troppo care). A complicare le cose anche due verbali della capitaneria di porto. La nave della Costa sarebbe stata multata per la cifra complessiva di 6 mila euro per due infrazioni: un marinaio sarebbe stato “beccato” mentre toglieva ruggine sullo scafo senza le necessarie autorizzazioni o protocolli di sicurezza e il totale dei rifiuti che la nave aveva denunciato di scaricare era in lieve difetto rispetto alla cifra reale. Episodi che di certo non hanno contribuito a cementare il rapporto con l’armatore.

L’assessore al turismo Piera Trimboli, oggi, oltre a coinvolgere le guide turistiche milazzesi, i volontari, i ragazzi delle scuole superiori (Liceo Classico e Istituto Tecnico Da Vinci), ha ottenuto dall’Autorità portuale la disponibilità di un bus per consentire agli ospiti di raggiungere dal punto di approdo il centro cittadino. D’intesa con l’assessore Presti è stata prevista la visita al Castello e al patrimonio culturale cittadino attraverso percorsi dedicati.

L’assessore alle attività produttive, Carmelo Torre – sostiene un comunicato del comune – avrebbe sensibilizzato i commercianti per mantenere i propri negozi aperti anche durante la cosiddetta pausa pranzo anche se molti operatori, a cominciare dai rappresentanti della Confcommefcio, smentiscono alcun tipo di contatto con Torre. La Pro Loco Milazzo, invece, al comandante un dono di benvenuto rappresentativo della città.

“L’ obiettivo – ha detto l’assessore Trimboli – è quello di dimostrare che questa città vuole a tutti i costi puntare sul crocierismo. Una scommessa che ho fatto sin dal mio insediamento e che in questa legislatura desidero vincere. Comprendo tutte le difficoltà anche nella pianificazione degli scali in Sicilia e in Calabria, ma Milazzo ha tutte le carte in regola per diventare un hub strategico per gli armatori”.

 

Condividi questo articolo
1.087 visite

6
Rispondi

avatar
400
6 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
Massimo Cusumanojohn caccamoYanez de GomeiraFrancescodomenico giorgianni Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Massimo Cusumano
Ospite
Massimo Cusumano

Ogni Volta che arriva una nave da crociera tutto questo trambusto fate? Milazzo e’ una citta’ che puo’ ospitare i turisti , sia dalle navi da crociera che da meta dei singoli o gruppi di persone che amano la citta’. Il problema e’ che non siamo preparati ad accoglierli . Le navi da crociera nel porto? Lasciamo stare…..

john caccamo
Ospite
john caccamo

furbissimi sti tizi della Guardia Costiera…

Yanez de Gomeira
Ospite
Yanez de Gomeira

Ci si lamenta del verde delle rotatorie, mentre quando i croceristi andranno a visitare il castello, il verde li coprirà con erba alta 2 metri, rovi (ruvetti), gramigna, parietaria (ebba i muru), e carne fresca (zicchi a fetiri) – Questo è il vero verde, il turismo e l’accoglienza dei turisti e croceristi: la sporcizia, il degrado, l’abbandono dei monumenti pubblici, l’incompetenza!!!!!

Francesco
Ospite
Francesco

Ha ragione Salvo: ass. Al turismo? Con quel verde della rotatoria ridotto cosi?Ma tu lo sai cosa e’ il turismo? Non ne hai la piu’ pallida idea e meno male che dai la benedizione alle navi da crociera dove tu non hai messo nulla.ah.ah.ah.ah.ah.

domenico giorgianni
Ospite
domenico giorgianni

complimentoni….. P.S. rileggete l’articolo e correggetelo