Salvatore Veneziano

Quattro anni e 4 mesi di reclusione e una multa di 1500 euro. E’ questa la condanna contenuta nella sentenza del giudice monocratico del Tribunale di Barcellona Simona Finocchiaro ai danni del milazzese Salvatore Veneziano, 22 anni, processato con il giudizio immediato. L’uomo è stato riconosciuto colpevole di tentata estorsione aggravata e danneggiamento plurimo seguito da incendio nell’ambito ai danni delle ditte che facevano parte del Consorzio Stabile Cassiopea impegnate nei lavori di riqualificazione del litorale di Ponente.

Veneziano è stato già condannato in passato a tre anni di reclusione per l’incendio della pizzeria  di Barcellona di proprietà dela sua ex fidanzata con la quale si vantava di numerosi incendi di vetture in cambio di un centinaio di euro a commisisone.

Secondo l’accusa, nel caso degli incendi a Ponente a danno di tre ditte, Veneziano avrebbe agito su ordine dei presunti mandanti (per loro il processo non si è concluso)  milazzese Giovanni Fiore e del barcellonese Marco Milone con la complicità del gestore di un’autorimessa Roberto De Luca (già condannato col rito abbreviato). Sarebbe stato l’autore materiale degli attentati degli incendi a mezzi meccanici e auto personali dei titolari. 

Condividi questo articolo