LA LETTERA. La trasformazione dei parcheggi a pagamento in sosta col disco orario sta creando non pochi disagi tra i residenti e le attività commerciali di Milazzo. Nel centro cittadino a subirne le conseguenze, spesso sono le attività commerciali che offrono servizi che non sempre riescono ad essere ultimati entro le due ore consentite dall’ordinanza comunale (vedi trattamenti di bellezza da estetiste o parrucchieri).  Entro l’estate dovrebbe essere bandito il nuovo bando per la gestione delle strisce blu. Intanto i disagi continuano.  A scrivere a Oggi Milazzo è una lettrice residente in via Chinigò, così la sua testimonianza:

Salve sono una cittadina milazzese che abita in via Chinigo. Sono mamma di due figli piccoli, “punita” con una contravvenzione per avere parcheggiato dove prima c’era la sosta a pagamento. Io vivo a Milazzo centro, in via Chinigó, ormai da anni, parcheggio tutti i giorni davanti al portone e sabato 21 gennaio ho trovato una multa non sapendo che anche questa via era diventata a disco orario (errore mio perché non ho guardato il cartello “che esiste da anni”, ma posso guardarlo ogni giorno?). Infatti la sosta a pagamento, grazie alla quale parcheggiavo regolarmente con un pass, è stata trasformata in “zona disco”, senza alcuna possibilità per i residenti di potere usufruire di una riserva. Ma le strisce blu possono diventare “disco orario”? Non dovrebbero essere bianche? Adesso io vorrei sapere dove devo parcheggiare la macchina avendo un bimbo di 8 anni e una neonata, con le buste della spesa, bombole di gas (perché non passa nemmeno il metano), e tutto quello che serve ad una famiglia. sono veramente arrabbiata! Sono anche andata dai vigili ma mi hanno detto che in via Chinigó e in altre vie del centro non ci sono spazi riservati. Il problema non sono i 40 euro della multa, cosa che diventerebbe insostenibile se ogni giorno dovessi pagare questo mio “contributo” al comune, ma io che vivo li, come devo fare?

Eliana P.

Condividi questo articolo
2.219 visite

guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
giuseppe p.
giuseppe p.
3 anni fa

la signora si è accorta del del cartello dopo 2 mesi dalla collocazione, solo perchè gli hanno fatto la multa.
Poi chi lo ha detto che i commercianti sono scontenti?
In 2 ore, (+ la tolleranza) si può fare pure il contratto di aquisto di una casa.
Quindi abituati a lamentarvi sempre e in ogni caso

Pasquale
Pasquale
3 anni fa

Cara signora, lei dovrebbe avere il posto macchina nel suo garage come lo dovrebbero avere tanti cittadini che nei propri garage hanno fatto negozi per affittarseli.
In ogni vaso se lei quando posteggia la sera mette il disco orario alle 9 del Mattino, prima di quell’ora i vigili non fanno controlli, può tenere l’auto in sosta sino alle 11, se poi vuole entrare in auto nella sua abitazione…

CIttadino
CIttadino
3 anni fa
Reply to  Pasquale

sbagliato!!non tutte le abitazioni HANNO UN BOX AUTO,non tutti hanno i soldi per poterlo affittare e le amministrazioni comunali al posto di fare ste porcherie dovrebbero prima contare i residenti e vedere se ci sono posti per essi e se ci sono posti in piu, tutti PAGANO LA TASI e visto si paga il posto ai residenti deve essere garantito, allora NON PAGATE PIU LA TASI xk è solo un furto!

cittadino
cittadino
3 anni fa

Mettici l’avvocato,possibilmente di una città che non sia Milazzo (per evitare gli amici degli amici)e spera che un giudice ti dia ragione.Purtroppo l’automobile è diventata il bancomat delle amministrazioni,infatti,tra bollo,assicurazione,pass,benzina,parcheggi e multe,si arricchiscono sempre a danno degli automobilisti.Per anni ho pagato un pass residenti e chiunque parcheggiava senza diritto.

schifato
schifato
3 anni fa

andiamo tutti a parcheggiare a a casa del sindaco…. lui che problema ha ? arriva a lavoro e parcheggia davanti al comune ( ma noi possiamo parcheggiare pure li davanti ?)… arriva a casa e non ha problemi … arriva ovunque in città e lascia la macchia ovunque … tanto è la macchina del sindaco … quindi … che dire … maaaa