Quattro scuole milazzesi trionfano alla VI edizione del “Ciak Scuolafilmfest”. Durante la cerimonia conclusiva, che si è svolta al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, è stato premiato l’Istituto Guttuso, che si è aggiudicato il premio di vincitore assoluto con lo spot “La voce del coraggio” sul femminicidio e l’Istituto Comprensivo Primo che ha portato a casa una nomination per la delicatezza e l’incisività con cui ha trattato la tematica del rapporto tra genitori e figli nello spot sul quarto comandamento: “Onora il Padre e la madre”. Un video di 60 secondi con una musica inedita composta dalla professoressa Graziella Garofalo. Uno spot che è divenuto una sintesi efficace e coinvolgente del loro pensiero. Premiati con menzioni speciali anche gli istituti Leonardo da Vinci e il Tecnico Industriale “E. Majorana”.

Gli studenti, nell’ambito dell’iniziativa che rappresenta il più grande evento cinematografico-didattico, hanno raccontato temi sociali come il fumo, la droga, il bullismo, la diversità, l’adozione, la donazione degli organi e il femminicidio attraverso gli spot. Tematiche che sono state affrontate da registi ed attori in erba con strumenti lontani da quelli del grande cinema, ma che hanno comunque evidenziato le ottime capacità comunicative degli alunni coinvolti, tanto da far rimanere incollati alle poltroncine 800 alunni presenti al Teatro. All’iniziativa hanno partecipato scuole secondarie di primo e secondo grado provenienti da Messina, Milazzo, Patti, Lipari, arrivate in finale.
Centinaia i lavori presentati al “Ciak Scuolafilmfest” ma solo 22 sono entrati in finale, dopo essere stati valutati da una giuria altamente competente composta da alcuni nomi quali Gustavo Ricevuto e Ignazio Vasta. «Quando il direttore artistico Sergio Bonomo ha proposto alla scuola la partecipazione – afferma il Dirigente dell’istituto Comprensivo Primo Elvira Rigoli – siamo stati subito d’accordo, il concorso ci è piaciuto, ed abbiamo trovato lodevoli la promozione e la cultura degli stili di vita sani, dell’educazione e partecipazione civica, in grado di favorire l’analisi delle criticità sociali». «E’ stato stimolante per i ragazzi – continua la preside –  potersi misurare in una sfida creativa, allo scopo di creare e comunicare importanti messaggi di valenza sociale». I ragazzi della scuola media Garibaldi, infatti, sono stati protagonisti di un percorso dinamico, in cui hanno potuto esprimere idee inerenti la loro adolescenza che poi, grazie al linguaggio cinematografico, sono state tramutate in spot.

Il concorso, giunto alla VI edizione, è stato promosso dall’Associazione Lab Cinecittà Sicilia & Ass. e realizzato congiuntamente con l’Associazione Educa, in collaborazione con: Ufficio Scolastico Provinciale di Agrigento, il Sindacato Nazionale Giornalisti cinematografici Italiani, Agis Scuola Sicilia, Associazione Italiana Familiari e Vittime della strada, F.A.I. Fondo Italiano per l’ambiente Sicilia, l’Assessorato Regionale del Turismo, dello sport e dello spettacolo, Sicilia FilmCommission, Centro Sperimentale di Cinematografia, Teatro di Messina, I.I.S. Antonello (Messina), Ordine degli Architetti di Messina, Confcommercio Messina.

Per visionare gli altri video:

https://www.youtube.com/user/scuolafilmfest

Condividi questo articolo