Scendono a 58 gli impiegati del comune di Milazzo con l’obbligo di firma (e di conseguenza sospesi) in quanto coinvolti nell’operazione anti-assenteismo della Guardia di Finanza battezzata “Libera uscita”. Ieri, il Gip di Barcellona, Fabio Gigliotta, al termine dell’interrogatorio di garanzia, ha revocato la misura restrittiva a Caterina Giuseppa Nastasi, 53 anni, assistita dall’avvocato Giuseppe Lo Presti. Secondo le indagini si era assentata  “in modo indebito e senza timbrare il proprio badge” per un totale di 2 ore 56 minuti tra il 10 novembre e il 22 novembre del 2014. L’impiegata, evidentemete,  è riuscita a spiegare le proprie ragioni. Numerosi gli impiegati che hanno presentato memorie e ricorsi al Tribunale del riesame.

La sospensione dei dipendenti “infedeli” a firma del dirigente al Personale, Michele Bucolo, rischia di mettere in ginocchio interi settori come il Suap (sportello per le imprese), Ambiente , Ragioneria, “l’ufficio messi”  e l’ufficio elettorale impegnato nel referendum del 4 dicembre. Senza conseguenze i settori Polizia municipale, Castello e Ufficio tecnico che non sono stati toccati dall’inchiesta poichè distaccati in sedi decentrate.

guest
14 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto
Alberto
6 anni fa

I casi penalmente rilevanti sono sì e no una mezza dozzina.
Straordinari incassati ma non del tutto eseguiti, allontanamenti dal posto di lavoro ingiustificati, ecc
Dopo un’indagine di 2 anni su un “popolo” di 320 persone vorrei vedere quante altre realtĂ  potrebbero dire la stessa cosa.
Diversi tra i “sospesi” erano contigui con l’Amministrazione Pino: operavano in base agli umori del re…

ciccio
ciccio
6 anni fa
Reply to  Alberto

stavolta concordo con quasi tutto il tuo “illuminante commento” 🙂 ad esclusione del finale. Intendi che sono stati sospesi perchè vicini all’ex vendicatore?

ciccio
ciccio
6 anni fa
Reply to  Alberto

il periodo “monitorato” è stato solo di 1 mese, 2 anni per sviluppare l’indagine

ciccio
ciccio
6 anni fa

Molti commentatori prima dovrebbero verificare se la posizione del cervello si trovi in ON.Preciso che non ho parenti implicati.Se la signora in questione ha dimostrato di avere documenti tali di farle ottenere la revoca dove sta il problema?Vi indignate tanto senza sapere di quali siano le contestazioni ad ognuno di loro.Perchè non vi indignate così anche in altre occasioni?Ne abbiamo infinite

MILAZZESE_STUFO
MILAZZESE_STUFO
6 anni fa
Reply to  ciccio

Perché io, se devo assentarmi per ogni qualsivoglia ragione devo giustificarlo PRIMA, NON DOPO. Se io mi assento senza che nessuno sappia nulla, anche solo per due minuti, VENGO LICENZIATO!!! Lo volete capire che solo nel pubblico succedono ste cose? NON DEVE ESISTERE ASSOLUTAMENTE CHE LORO FANNO QUELLO CHE VOGLIONO e d io rischio di essere mandato a casa solo per soli 5 minuti. NON ESISTE!

ciccio
ciccio
6 anni fa

non ho detto che siano tutti usciti senza giustificazione?qualcuno lo ha fatto e qualcun altro potrebbe anche aver dimenticato di passare il badge, comunque tutti dovranno dimostrare di essere nel giusto. ovviamente non sarĂ  facile ma la maggior parte lo farĂ .

Giulia
Giulia
6 anni fa

Vorrei chiarire che le revocare non le fa il sindaco ma la guardia di finanza

Milazzese quasi
Milazzese quasi
6 anni fa

Il giornale ha notizie sull’altro aspetto di questa vicenda che riguarda la ragioneria? Oltre all’assenteismo pare che ci sia stata una enorme lievitazione delle ore di straordinario…cosa si sa a proposito? La cittadinanza ha diritto di sapere chi sono costoro e cosa hanno fatto…

ciccio
ciccio
6 anni fa

fra un po saranno…57….no ma che 40…..35….22 no …nessuno…scusate abbiamo solo scherzato se volete potete fare causa al comune o procura …guardia di finanza e vi rimborseranno anche le spese legali….con le scuse………povera italia scappiamo finche siamo in tempo…..