«In marina Garibaldi non c’è alcuna pista ciclabile». A sostenerlo è l’assessore ai Lavori Pubblici Ciccio Italiano. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale si è discussa l’interrogazione del consigliere Udc Maria Magliarditi riferita al “Primo modulo di pista ciclabile” in Marina Garibaldi. Quando fu creata l’anno scorso fu oggetto di scherno poichè – essendo lunga circa 200 metri – è stata definita la “pista ciclabile più corta del mondo. «Una questione di grande interesse e notevole rilevanza –ha osservato l’assessore ai lavori pubblici Cicico Italiano -, ma per affrontarlo bisogna prima formulare il piano dei parcheggi; mentre, con la sistemazione del secondo lotto funzionale dei lavori a Ponente si potrà realizzare una pista ciclabile lunga diversi chilometri. Quella tracciata in marina Garibaldi invece è solo una piccola area dove il ciclista può solo essere tutelato dal traffico automobilistico; ma non parliamo di pista ciclabile –ha aggiunto l’assessore- per la quale ci vorrebbe peraltro uno studio approfondito di fattibilità, tenendo presente la realtà del centro cittadino.

Sempre in materia di viabilità, il consigliere Pippo Midili ha denunciato i gravi disagi che si verificano all’entrata ed all’uscita dell’asse viario. “Strade intasate – ha detto – che costringono spesso gli automobilisti ad effettuare manovre irregolari, con autentiche inversioni di marcia non consentite, per svincolarsi dalla morsa dell’intasamento che paralizza il traffico”. Il problema è causato prevedibilmente dalla mancata realizzazione di una rotatoria prevista nel piano di realizzazione del centro commerciale Lidl, che l’Anas però non ha consentito come sembra per problema di distanza da altre rotatorie esistenti.

Condividi questo articolo

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
ciccio
ciccio
5 anni fa

Grande assessore! Dopo l’istituzione dell’area marina protetta al Capo, ecco la riserva naturale orientata del ciclista/cicloamatore della Marina… pene severissime per chi praticherà la caccia al ciclista in tale area

Paolo
Paolo
5 anni fa
Reply to  ciccio

chissà quando scatta il fermo biologico per i ciclisti a Milazzo?

Paolo
Paolo
5 anni fa

“una piccola area dove il ciclista può solo essere tutelato dal traffico automobilistico; ma non parliamo di pista ciclabile ” Dunque i palazzi non sono case, ma accumuli di cemento dove ripararsi dalla pioggia, e le auto non sono automobili ma scatole metalliche su gomma per spostarsi in tranquillità! Benvenuti a Milazzo isola di lingua moderna ed alternativa politica. Ma fatemi il piacere

giuseppe
giuseppe
5 anni fa

bisognerebbe creare un bypass della rotatoria dell’ipercoop; una strada parallela alla esistente che non ti faccia fare la rotatoria e) che ti porti direttamente dall’asse viario alla statale 113

Antonio
Antonio
5 anni fa

Segue post precedente, nel caso io abbia torto e quella non sia una pista ciclabile, non sarebbe il caso di rimuovere immediatamente quella segnaletica fuorviante? aspettate forse una richiesta di risarcimento danni direttamente a carico della vostra amministrazione?

Antonio
Antonio
5 anni fa

Una piccola area a tutela del ciclista. Ho cercato nel codice della strada , ho cercato ovunque, non esiste nell’ambito di questo sistema planetario una piccola area a tutela del ciclista. Scusi assessore un quesito, se percorro contromano questa piccola area e vengo casualmente investito, ho ragione o torto?