La Dusty (per la seconda volta) abbandona Milazzo. La società catanese avrebbe comunicato ufficialmente a partire dal 30 settembre, giorno in cui scade il contratto che la lega all’ente, che non ha alcuna intenzione di proseguire il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Le tensioni si sono acuite con lo sciopero di una buona parte degli operai che hanno incrociato le braccia facendo piombare la città in piena emergenza rifiuti con 130 tonnellate di nettezza urbana da raccogliere. La nota è giunta dopo le dichiarazioni del sindaco Giovanni Formica contenute in una nota stampa nella quale smentiva le voci che attribuivano il mancato pagamento  degli stipendi arretrati ai dipendenti Dusty ai mancati trasferimenti dell’ente comunale. «Il comune ha pagato e paga nei termini concordati», tuona il primo cittadino.

“Apprendo dalla stampa l’incredibile posizione della Dusty s.r.l. sull’emergenza rifiuti di questi giorni – aveva detto Formica – Confermo che la responsabilità della situazione è, a mio avviso, da imputarsi interamente alla società, come peraltro dalla stessa candidamente ammesso. L’amministrazione non si presta al giochetto che gli stipendi si pagano quando il comune paga. I lavoratori hanno un rapporto con il loro datore e da questo rapporto nasce l’obbligo di pagamento degli stipendi nei termini previsti dal contratto collettivo. Non ci sono alternative.

Diversamente non si comprenderebbe la differenza tra il lavoratore subordinato e l’imprenditore – continua Formica –  Il giorno in cui la Dusty decidesse di dividere con gli operai anche l’utile d’impresa accetterei una posizione come quella espressa. Il comune, per dirla tutta, ha pagato e paga nei termini concordati. Soltanto una mensilità risulta debito fuori bilancio e sarà corrisposta quando avremo lo strumento contabile. Di questo la società era stata informata proprio per la correttezza che caratterizza l’operato dell’amministrazione. Se qualche volta – sottolinea – si è registrato un ritardo maggiore nei pagamenti, le ragioni vanno ricercate al di fuori del comune. Nei mesi scorsi, per esempio, abbiamo avuto rallentamenti a causa di una nota dell’Agenzia delle Entrate che diffidava il comune a non pagare a causa di un presunto enorme debito della società verso l’erario. Anche se eravamo pronti, fino a diversa disposizione siamo stati costretti a non liquidare le somme dovute. Oltretutto il comune prima di procedere al pagamento delle fatture deve operare i controlli di legge sulla prestazione resa ed applicare, se necessario, decurtazioni e penali. E noi questo lo facciamo.

Se, quindi, come dichiarato un’impresa – attacca Formica – ha “esaurito tutte le risorse messe a disposizione per il servizio in oggetto e non è più in grado di sostenere ulteriormente gli oneri diretti e riflessi relativi al personale occupato né di far fronte ai rilevanti costi di gestione della commessa”, doverosamente lo comunica per tempo all’ente committente e lascia il servizio. Queste sono le regole del mercato e della vita. Non si fa il passo più lungo della gamba, altrimenti si rischia di fasi male. Nessuna contrapposizione, quindi, ma soltanto il rispetto dei ruoli, senza compromessi e ammiccamenti. Questo è il dovere di chi è chiamato ad amministrare la cosa pubblica. Costi quel che costi», conclude il sindaco di Milazzo.

 

Condividi questo articolo
904 visite

guest
4 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
muscolino
muscolino
3 anni fa

Quant’era bello quando i netturbini erano assunti dal Comune, e tutto procedeva al meglio! E anche i cittadini pagavano regolarmente le tasse e i tributi! Sappiamo chi ringraziare se il problema rifiuti non è più gestibile!

Giuseppe
Giuseppe
3 anni fa

Sicuramente la spazzatura dato che il sindaco dice costi quel costi la scaricherò davanti casa sua .

Antonio
Antonio
3 anni fa

Penso che sia meglio così e che si deliberi un nuovo bando di appalto per un’altra società,
saluti

ciccio
ciccio
3 anni fa
Reply to  Antonio

il nuovo bando sarebbe già dovuto essere essere pronto e pubblicato visto che mancano meno di 2 settimane alla scadenza invece …….