Da settembre l’Asilo nido Comunale di S. Pietro sarà aperto per l’intera giornata, consentendo dunque alle famiglie di poter contare su un concreto aiuto nella gestione dei propri figli. Infatti l’orario che verrà effettuato dall’équipe di educatori sarà il seguente 7,45 – 17,30. L’inizio dell’attività è stato già fissato giorno 8 settembre 2016. Un passo avanti verso l’utenza da parte del settore Politiche sociali guidato da Giovanni Di Bella.

Asilo Nido è un luogo educativo per bambini fino ai tre anni e rappresenta un concreto aiuto per le famiglie – sottolineano i responsabili comunali – e la decisione di estendere l’orario di lavoro è finalizzato proprio ad andare incontro alle esigenze dei genitori che lavorano o che hanno degli orari particolari che determinano problemi nella gestione degli stessi. La struttura ospiterà i bambini durante l’intera giornata fornendo loro varie attività educative ed assistenziali che rientrano in un “programma educativo” a tema, predisposto annualmente dall’équipe degli educatori, che sviluppano percorsi didattici diversi per ciascuna fascia d’età, al fine di consentire al bambino la possibilità di esplorare l’ambiente e favorirne, quindi, l’autonomia, l’apprendimento e la socializzazione, nel rispetto del suo ritmo di crescita

 

Condividi questo articolo
782 visite

3
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
Carla FiorelloSalvoAlberto Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Carla Fiorello
Ospite

Peccato che al momento….. inizio servizi dal 8 settembre..I servizi sociale riferiscano riguardo l incertezza della apertura del nido! Probabili lavori di ristrutturazione. ..ma nulla d certo….quindi????

Salvo
Ospite
Salvo

Bravo Di Bella continua così , lavora così e sostituirai Formica la prossima volta, alla faccia degli invidiosi

Alberto
Ospite
Alberto

Dato che fino ai 3 anni, le mamme che lavorano possono ottenere permessi e contributi per i loro pargoli, mi chiedo perché escogitare per bambini così piccoli “galere” di così lunga durata.
Per mettersi in concorrenza con le strutture private? Per aumentare la retta di un servizio che si sa essere più sociale che economico? Per aumentare la possibilità che subentrino alienazione e disagio? Bah…