La Regione Sicilia è sempre più convinta a risolvere il problema dello smaltimento dei rifiuti tramite la costruzione di sei inceneritori nell’isola, di cui uno nella provincia di Messina. La conferma arriva dalla nota a firma dell’ingegnere Domenico Armento, dirigente generale dell’assessorato regionale all’Energia, inviata al Ministero dell’Ambiente con la richiesta di “parere di competenza”, in risposta alla comunicazione inviata il 18 marzo scorso dagli uffici romani che stanno realizzando un piano nazionale in base al fabbisogno ed hanno avviato «l’avvio della consultazione di Vas (valutazione ambientale strategica)».

La Regione produce circa 685 mila tonnellate di rifiuti che attualmente finiscono in discarica. A livello nazionale si erano individuati due grandi inceneritori, l’assessorato regionale ha preferito prevederne sei più piccoli nei vari territori: due da 200 mila tonnellate annue ciascuno a Palermo e Catania, gli altri 4 di potenzialità compresa tra 60 e 80 mila tonnellate annue da prevedere nell’ambito territoriale di Messina, nel comprato di Ragusa / Siracusa, in quello Agrigento / Trapani e l’ultimo in quello di Enna / Caltanissetta.

Secondo Armento la proposta di realizzare 6 impianti «potrebbe avere effetti positivi sulla qualità dell’aria in quanto la riduzione del flusso veicolare in ambito regionale determinerebbe un contenimento delle emissioni climateranti dei mezzi utilizzati per la raccolta e trasporto dei rifiuti».

Ma l’inceneritore di Css previsto all’interno della centrale Edipower / A2a di San Filippo del Mela? Intanto si tratta di un progetto proposto da privati e non dagli enti pubblici che dovrebbero gestire quello previsto dall’assessorato sul territorio messinese. In ogni caso la dimensione è nettamente superiore a quello previsto dalla Regione. La settimana scorsa i sindaci di Milazzo e della valle del Mela, seguendo la strada già avviata dal collega Pasquale Aliprandi di San Filippo, hanno dato incarico a dei legali per opporsi alla costruzione dell’impianto in un procedimento aperto al Tar Lazio.

Condividi questo articolo
1.007 visite

11
Rispondi

avatar
400
5 Comment threads
6 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
DomenicoAldoDomenicoEduardo Martinezbartex17 Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Aldo
Ospite
Aldo

Non serve incenerire porca miseria !!!

Domenico
Ospite
Domenico

E il nostro Sindaco Formica che fa?? NIENTE! Subito dimissioni, poi voto.

Giulia
Ospite
Giulia

oTTimo! Vediamo se sono capasci di togliere l’affare delle discariche alla Mafia….e se sono solo dei quaquaraqua!

Io punto 1000 euro sulla seconda! Purtroppo!

bartex17
Ospite
bartex17

“Togliere l’affare delle discariche alla Mafia”… consegnandolo nelle mani di lobby non meno pericolose. Voglio vedere quando apriamo gli occhi una volta per tutte, non facendoci prendere in giro per l’ennesima volta.

Eduardo Martinez
Ospite
Eduardo Martinez

ma quale Lobby? Manco se dovessero costruire una centrale nucleare! Sai quanto ci vuole a fare un termovalorizzatore, soprattutto se e’ una riconversione? Se l’ECP sara’ Siemens e il costruttore sara’ l’Irem di Siracusa, (tnt x fare un esempio) in 6 mesi lo tirano su! Ndo lo vedi tutto sto affare? SVEGLIA!

Domenico
Ospite
Domenico

L’affare è nei rifiuti, non nel fare la centrale. Svegliati tu!

Bartex17
Ospite
Bartex17

Dove lo vedo tutto sto affare? Ha idea per caso, di quanto lo Stato finanzierà queste multiutility convergendo soldi pubblici, facendoli passare come finanziamenti per risorse rinnovabili? Ecco, di questo si tratta. Il “rifiuto” lo paghiamo per averlo raccolto, per gestirlo e successivamente anche per incenerirlo. E non solo, lo Stato mi fa pagare l’aliquota in bolletta da dare a questi signori. E non me la chiama TRUFFA????

Bartex17
Ospite
Bartex17

La questione è enormemente complessa sotto mille punti di vista. Prima di affrettare conclusioni, bisogna affrontare ogni aspetto con caparbietà. E una parte dei cittadini della Valle del Mela, ancora, disconoscono tali aspetti, credendo che ci si trovi davanti alla panacea di ogni male. Sveglia veramente!

ciccio
Ospite
ciccio

Nomen omen…

enzo
Ospite
enzo

e dove sta la novità ?
era già da tempo che si sapeva che in sicilia ne dovevano fare sei, di cui uno a Milazzo.
ahivoglia a fare manifestazioni o quant’altro.
hanno già deciso da tempo che cosa fare , dove e chi…………
alla faccia di tutti

nicola
Ospite
nicola

caro amico è vero hai ragione lo sanno tutti,sono i sindaci del comprensorio del mela che fanno finta di essere contro o che fanno finta di non sapere.