Parcheggio a servizio del centro cittadino o ennesimo condominio? A decidere il futuro dell’area ex pastificio Puglisi che si affaccia sulla via Ettore Celi sarà un commissario ad acta, Sebastiano Alesci, nominato pochi giorni fa dalla Regione. Da tempo sono scaduti i vincoli posti dal Comune che impedivano la realizzazione di immobili privati ma ora le cose sono state rimesse in discussione.

La zona dell’ex Pastificio Puglisi alla fine degli anni ‘90 è stata trasformata in un grande insediamento abitativo. L’area che guarda alla via Ettore Celi è invece rimasta in stand by perché il Comune l’ha vincolata a parcheggio. Ma in tutti questi anni nessuna amministrazione è riuscita a realizzare l’infrastruttura e così si è arrivati alla scadenza del vincolo decennale e l’area è tornata ad essere sotto il profilo urbanistico “bianca”, ossia da “zonizzare”.

La proprietà per accelerare il processo ha fatto prima istanza al comune di Milazzo per conoscere la nuova destinazione d’uso, poi – di fronte al silenzio dell’ente – si è rivolta al Tribunale amministrativo regionale (Tar) che si è pronunciato favorevolmente e disposto la nomina di un commissario che si sostituisse all’amministrazione per decidere il futuro. Ma perché il comune non ha completato il procedimento di esproprio? Intanto per questioni economiche. Anche se gli uffici comunali non forniscono cifre ufficiali si parla di un paio di milioni di euro (l’area è oltre 2000 metri quadrati). «Questi fatti risalgono a prima del mio insediamento – spiega il sindaco Giovanni Formica che ha mantenuto per se la delega all’Urbanistica – il commissario deciderà basandosi su parametri urbanistici. Valuterà se la città necessità di servizi, area verde, o di nuovi immobili». L’apposizione di nuovi vincoli, però, questa volta prevede il pagamento alla ditta di una indennità (a più zeri) da parte dell’ente visto che il terreno rimarrà bloccato per altri dieci anni.

 

Condividi questo articolo
862 visite

6
Rispondi

avatar
400
6 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
gigienzoNiente integralismi e testardaginiAntonioPaolo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
gigi
Ospite
gigi

Perché non si espropria subito? Si fa un mutuo. Con il parcheggio a pagamento senza controllori della sosta che costano ma con le macchine automatiche (come si fa in tutto il mondo) si paga il mutuo. Per creare il parcheggio a raso basta un po’ di asfalto. Con poche migliaia di euro abbiamo un parcheggio vicino al centro ed al porto. Ultima chance: non abbiamo altro spazio in centro.

enzo
Ospite
enzo

scomeetiamo che fanno palazzi ??? tanto a Milazzo a che servono i parcheggi ?? a che serve qualche area destinata ad altro ?? tipo sport, spazi verdi……
dai che bisogna accontentare altri amici degli amici……. palazzone in arrivo…..

Niente integralismi e testardagini
Ospite
Niente integralismi e testardagini

Magari un ampio parcheggio sarebbe da valutare per eliminare l’inferno provocato da automobilisti che lasciano le loro auto in modi quanto mai “estemporanei” in una zona densa di negozi e congestionata dal traffico e dove i cittadini residenti,sono costretti a subire veleni e rumori. In quanto al verde,penso che si potrebbe valutare una soluzione tipo quella dei parcheggi del parco corolla,dove gli alberi cresceranno svolgendo la loro funzione di abbellimento e di ossigenazione.

Antonio
Ospite
Antonio

Serve a Milazzo un area verde?

Paolo
Ospite
Paolo

Forza un’altra porcheria a sei/sette piani….e foraggiamo gli amici degli amici. P