SAN FILIPPO DEL MELA. Un premio internazionale di filosofia, un festival estivo del cinema sulla Grande Guerra, la mappatura archeologica del territorio comunale. Sono questi i principali contenuti del Protocollo d’intesa della durata di quattro anni stipulato tra il Comune di San Filippo del Mela e il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell’Università di Messina oggi pomeriggio nell’aula consiliare del Municipio.

«Intendiamo fare cultura non per attrarre turisti, ma per i nostri concittadini. È necessario, infatti, prima di tutto, ricostituire il tessuto sociale» è l’ambizione dichiarata dall’assessore alla cultura, Gabriele Saporita. Un intento pienamente condiviso dal sindaco, Pasquale Aliprandi, il quale ha sottolineato come da questo protocollo «nascerà un proficuo connubio tra cittadini e università che contribuirà alla crescita della nostra comunità».

Per l’Università di Messina erano presenti il prof. Mario Bolognari, direttore del Dicam e il prof. Pierandrea Amato, docente di filosofia presso lo stesso dipartimento.

Bolognari ha ricordato come l’intera Valle del Mela sia stata depredata di una sua identità con l’avvento dell’industrializzazione pesante che di fatto ha mutato il profilo sociale, economico e culturale della comunità. «È arrivato il momento di elaborare una nuova prospettiva, alternativa rispetto a quella attuale. Bisogna stimolare la discussione e il confronto» ha sostenuto il docente.

Amato ha, infine, spiegato i contenuti del Protocollo e ha invitato i cittadini a dare suggerimenti per nuove future iniziative.

Condividi questo articolo