Da sinistra Maurizio Capone, Tommaso Currò, Giovanni Mangano

Da sinistra Maurizio Capone, Tommaso Currò, Giovanni Mangano

Il consiglio dei Ministri ha riconosciuto lo stato di emergenza per Bastione, la frazione di Milazzo colpita da un alluvione nel novembre scorso. Questa mattina nella seduta del Consiglio dei Ministri è stata deliberata la dichiarazione di stato d’emergenza per contrastare gli eccezionali eventi meteorologici che nel periodo dall’8 settembre al 3 novembre 2015 hanno colpito il territorio delle province di Catania, Enna e Messina. Lo rende noto il parlamentare del Pd. Tommaso Currò che lo scorso mese aveva sollecitato tale provvedimento. “Esprimo soddisfazione per questa nuova attenzione del governo Renzi nei confronti della comunità siciliana e messinese in particolare – ha detto  Currò –  e sottolineo come la collaborazione istituzionale sia stata determinante visto che dopo i problemi dello scorso anno, insieme al sottosegretario Davide Faraone abbiamo avviato una interlocuzione con l’assessorato al Territorio ed Ambiente per avere delle note specifiche sugli interventi da eseguire. Il riconoscimento dello stato di emergenza consentirà ai privati e agli imprenditori colpiti dalla calamità naturale di accedere alle risorse per il ristoro dei danni subìti». Le somme stanziate dovrebbero essere circa 20 milioni di euro.

Condividi questo articolo

guest
15 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Eddy
Eddy
5 anni fa

Ieri ho fatto un’osservazione a Salvo. Oggi gli devo chiedergli scusa. Quei pochi soldi che lo Stato mi ha riconosciuto si riferiscono ad un alluvione del 2008 e non del 2011. E’ facile confondersi quando emergenze del genere si verificano quasi ogni anno in questa nostra Città. E si verificheranno sempre fino a quando non ci incazzeremo di brutto.

eddy
eddy
5 anni fa

Carpo Salvo,
devo chiederti scusa. L’indennizzo che ho ricevuto si riferisce ad un alluvione del 2008 e non del 2011. E’ facile confondersi, quando gli alluvioni si susseguono quasi annualmente. E quest’andazzo si ripeterà in terno, fino a quando non ci incazziamo sul serio.

eddy
eddy
5 anni fa

Ancora a Salvo.
devo fare ammenda. Leggendo bene le carte, l’indennizzo che ho ricevuto si riferisce ad un alluvione del 2008 e non a quello del 2011. E’ facile fare confusione, quando gli alluvioni si susseguono negli anni. Infatti uno è avvenuto nel 2008, l’altro nel 2011, l’altro ancora nel 2013 e l’ultimo nel 2015. . Conseguentemente secondo questo andazzo il prossimo ci sarà nel 2017, quello successivo nel 2019 e così via, fino a quando non ci incazzeremo davvero.

Antonio
Antonio
5 anni fa

Non penso che curro abbia avuto bisogno del pressing di formica, anzi…..
Se continua a tenere i piedi per terra curro diventerà una delle poche mosche bianche nel panorama politico italiano, sarà quindi più semplice notare un deputato che lavoro per il territorio seriamente rispetto ad altri che gozzovigliano a spese nostre, a cominciare da quelli regionali.

Pippo
Pippo
5 anni fa

Silenzio??? Dove siete cialtroni anonimi pronti a criticare? Cosa dite a riguardo?

salvo
salvo
5 anni fa
Reply to  Pippo

Vorrei conoscerti per capire che persona sei???come si può elogiare queste persone quando hanno in 8 mesi di amministrazione dimostrato profonda incapacità.

Pippo
Pippo
5 anni fa
Reply to  salvo

Anch’io scienziato! A memoria non ricordo nessuna amministrazione che in otto mesi abbia fatto qualcosa. Ti consiglio qualcosa per la memoria