Si è costituito oggi a San Filippo del Mela il Comitato Territoriale per il referendum contro l’inceneritore che la società A2A vuole costruire presso la centrale ex Edipower di Archi. All’assemblea hanno partecpato i rappresentanti di molte associazioni del comprensorio, alcuni consiglieri comunali di Milazzo e diversi cittadini dei comuni della fascia tirrenica della provincia messinese.

L’obiettivo principale del Comitato referendario è sensibilizzare i cittadini di Gualtieri Sicaminò, Pace del Mela e San Filippo del Mela, dove si voterà il prossimo 31 Gennaio, portandoli a barrare consapevolmente la casella del NO all’inceneritore. Per meglio raggiungere questo fine, il Comitato Territoriale incontrerà al più presto le tre Amministrazioni così da avere confronto sulle modalità operative della campagna.

«Sappiamo bene – si legge in una nota – che l’idea di A2A è quella di incenerire più di 500.000 tonnellate l’anno di spazzatura sotto forma di Css (combustibile solido secondario), ovvero il rifiuto tal quale senza la parte umida e altri materiali incombustibili. A bruciare rimarrebbero soprattutto i derivati dal petrolio, ovvero le plastiche, aggiungendo al nostro già pesantemente contaminato territorio, intollerabili quantità di metalli pesanti, nanopolveri e diossine».

Il Comitato Territoriale per il referendum si è dato dei gruppi di lavoro che cureranno l’informazione e la comunicazione, la realizzazione di eventi ed iniziative, il confronto e i rapporti con le istituzioni politiche ed amministrative.

Tutte le azioni di informazione e sensibilizzazione saranno estese anche ai comuni dove non si svolgerà il referendum.

Condividi questo articolo
546 visite