La crisi economica colpisce anche i consiglieri comunali di Milazzo. Sono finiti i tempi in cui l’elezione al consiglio comunale equivaleva ad un piccolo stipendio e consentiva agli eletti senza una busta paga di (soprav)vivere grazie alla politica. Con il taglio delle indennità deliberato dall’ex commissario straordinario Valerio De Joannon dal gennaio 2011 si è passati da un gettone di 100 euro a seduta a 30,25 euro. Se prima si poteva parlare di “gettone d’oro” ora al massimo lo si potrà definite di latta. Risultato? I nuovi eletti – che naturalmente saranno gratificati dal lavoro svolto a favore della comunità – dal punto di vista economico si dovranno accontentare di pochi spiccioli. Basti pensare che in base agli ultimi conteggi fatti dagli uffici di Palazzo dell’Aquila riportati nella delibera 569/2015, pubblicata oggi all’albo pretorio,  il consigliere che tra l’1 settembre e il 31 ottobre ha totalizzato il maggiore numero di “gettoni” tra sedute e commissioni è Francesco Alesci con 726 euro e 24 presenze. Seguono Stefania Quattrocchi con 665,50 euro (22 presenze) e Lidya Russo con 635,35 (21). Il consigliere con l’indennità più bassa (e le minori presenze) è Gaetano Nanì con 302,50 euro. Tenendo in considerazioni che i consiglieri – assessori non percepiscono il gettone ma una indennità da componente della giunta (Ciccio Italiano, Damiano Maisano e Giovanni Di Bella) tra settembre e ottobre l’ente ha speso un totale di 12.856,25 euro.

Condividi questo articolo
905 visite

guest
15 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Massimo il grande
Massimo il grande
4 anni fa

Alesci , quando si ama una donna che si fa? La risposta sarebbe : di tutto per accontentare la propria donna. Bene , fate di tutto per accontentare le tasche dei cittadini e le casse comunali che sono vuote. Milazzo è da amare come una bella donna . Alesci , vale per te e per tutti. Tu come prima persona , perché nella foto sei tu a discutere di soldi.

Ferruccio
Ferruccio
4 anni fa

Forse “Fernet Branca MENTE” potrà dire al PDR di devolvere i gettoni sia dei consiglieri che assessori a cause più nobili.

Domenica
Domenica
4 anni fa
Reply to  Ferruccio

hai ragione!

Franco
Franco
4 anni fa

Quanto costano gli assessori di oneri riflessi?
Perchè non restano al loro posto di lavoro ?
Ancora sono pendenti i pignoramenti delle ditte dove lavorano di DiBella e Italiano per oltre 200mila euro ma il lavoro che fanno al Comune vale tutti questi soldi?

enzo
enzo
4 anni fa

chi vuole fare politica, la faccia gratis, sia a livello locale che nazionale……………….. vedrai che nessuno più si scanna per le votazioni !!!!!

milazzese
milazzese
4 anni fa

Se proprio fosse vero che amano svisceratamente la politica e il buon governo del loro paese, dovrebbero prodigarsi gratis, senza elemosinare o pretendere stipendi da nababbi. Siccome sono attaccati alle poltrone, allora…………….A buon intenditor…