Numerosi monili in oro e argento, macchine fotografiche Reflex, attrezzi per lavori di bricolage a smartphone di ultima generazione, ma anche orologi di marca ad alcune paia di scarpe di ginnastica. I Carabinieri del Nucleo operativo agli ordini del Tenente Cristian Letizia e del Radiomobile di Milazzo, agli ordini del Maresciallo Aiutante Rocco Fleres, ieri hanno sgominato una banda di albanesi che stava tempestando di furti in appartamento la Piana di Milazzo ritrovando parte della refurtiva.

A seguito di numerose denunce e segnalazioni di cittadini milazzesi, residenti soprattutto nelle frazioni più periferiche e in abitazioni isolate o di campagna, i Carabinieri di Milazzo hanno cominciato una serrata attività investigativa per limitare o mettere fine al fenomeno.

Oltre a intensificare la vigilanza, soprattutto di notte, delle frazioni più isolate e meno illuminate come quelle di Scaccia, San Marco, Santa Marina, Bastioni ecc, i Carabinieri hanno messo sotto la lente di ingrandimento i movimenti di una “squadretta” di giovanissimi albanesi, in gran parte incensurati ma comunque già noti alle forze dell’ordine.

Nelle ultime 48 ore, individuati i presunti “topi d’appartamento” e le loro “basi logistiche”, è scattato il blitz dei Carabinieri. Sono state perquisite più di 10 tra abitazioni, depositi, pertinenze e giardini recuperando gran parte della refurtiva di almeno 3 furti in abitazione, consumati nelle ultime settimane, per un valore complessivo della merce superiore a 20mila euro. Gli oggetti ritrovati, provento di furto sono molto eterogenei, si va dai numerosi monili in oro e argento ad alcune macchine fotografiche Reflex, dagli attrezzi per lavori di bricolage a smartphone di ultima generazione, da orologi di marca ad alcune paia di scarpe di ginnastica. Dato interessante è che i giovani ricettatori non avevano perso tempo ad utilizzare subito alcune di queste paia di scarpe rubate, nel corso dei controlli infatti le avevano addirittura ai piedi. L’oggetto più curioso recuperato dai Carabinieri è un “segway” di ultima generazione, ovvero una sorta di moderno skateboard a batterie che permette di muoversi con la sola inclinazione del corpo in avanti.

I cinque giovani albanesi, nonostante la giovane età e la propensione per i prodotti tecnologici, non avevano perso l’attenzione per i metodi di guadagno “tradizionali”. Secon do il racconto dei carabinieri, uona parte dei gioielli rubati, infatti, erano stati consegnati velocemente a diversi “Compro Oro” di Barcellona e Milazzo, in cambio di denaro contante. Approfonditi accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di recuperare i monili d’oro rubati, che una volta riconosciuti dalle vittime, sono prontamente restituiti ai legittimi proprietari.

Per i cinque giovanissimi albanesi tra i quali una donna, tutti disoccupati e residenti a Milazzo :

Z.S. classe 1993, G.E. classe 1987, H.L. classe 1986, H.P. classe 1990, S.S. classe 1993 è scattata una denuncia per ricettazione aggravata in concorso. Continuano gli accertamenti dei Carabinieri sia per ricollegare altri oggetti rinvenuti e sequestrati ad eventuali altri furti, sia per scoprire possibili altre responsabilità dei 5 e di eventuali altri complici. La refurtiva recuperata è stata già in parte restituita ai legittimi proprietari.

Condividi questo articolo
951 visite

6
Rispondi

avatar
400
6 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
OscarsalvoPaolocarmelo maggetticittadino onesto Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Oscar
Ospite
Oscar

Il mio pensiero riunisce un po tutti quelli letti sotto… purtroppo… Chi viene in Italia… come si suol dire “TROVA L’AMERICA”… Sotto tutti i punti di vista. A partire dall’accoglienza e il trattamento, alle agevolazioni e per finire le nostre leggi che tutelano possibilmente gli extracomunitari e condannano i connazionali…

salvo
Ospite
salvo

Perché non mettete le foto di questi galantuomini così sappiamo da chi guardarci!

Paolo
Ospite
Paolo

Ormai di questa solfa ne abbiamo sentite ogni santo giorno. E se reagisci, passi dalla parte del torto. Ipocrisia allo stato puro. P.s. questi compro oro che ormai stanno diventando base di ricettazione, perché non viene fatta una legge, ammesso che non esista già, per regolamentarli? Solito comportamento all’italiana.

carmelo maggetti
Ospite
carmelo maggetti

La Romania e l’Albania tirano un sospiro di sollievo ,agevolando l’emigrazione dei loro giovani malavitosi ,che hanno scelto di lavorare in Italia a tempo pieno .La ns. Nazione è conosciuta per le leggi troppo permissive , vedi campi Room etc.

cittadino onesto
Ospite
cittadino onesto

Saranno circa venti anni che una banda di albanesi con la connivenza di tutti imperversa nella città mamertina. Diventanto di conseguenza parte integrante del tessuto economico-sociale della città del capo. Perchè la magistrutura e le forze dell’ordine permettono questo? Perchè di frequente a Milazzo vengono arrestati delinquenti di piccola taglia (vedi la denuncia per questa banda criminale o gli spacciatori dei giorni scorsi) e non si va mai alla fonte, indagando su chi veramente da anni tiene la nostra città sotto scacco?