Si è svolta giovedì sera una seduta di consiglio comunale aperta, convocata dal presidente Gianfranco Nastasi per consentire l’intervento dei progettisti, delle organizzazioni sindacali, degli ambientalisti, di esperti e tecnici sulla questione termovalorizzatore e CSS all’Edipower.

Un dibattito che ha confermato le posizioni diametralmente opposte di sindacalisti ed ambientalisti sempre più decisi a sostenere una battaglia sempre più serrata per impedire che si realizzi l’inceneritore in un’area – è stato sottolineato – già fortemente compromessa dagli effetti nocivi della attività industriale.

Ad illustrare il progetto di A2A, in aula consiliare, è stato l’ingegnere Giuseppe Monteforte supportato da alcuni componenti dello staff di progettazione. Sono state spiegate le finalità del progetto, forniti elementi squisitamente tecnici, fatte pervenire risposte ai diversi quesiti posti e anticipati riscontri occupazionali che sono stati però contestati in diversi interventi, invitando Monteforte a dare numeri veritieri, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione allorquando l’impianto entrerebbe a regime (nel 2021) a completamento delle 2 fasi operative previste per alimentare la centrale Edipower con il Css.

Con due linee di valorizzazione col Css –è stato anche detto- si avrebbe una notevole riduzione delle immissioni in atmosfera, mentre avverrebbe lontano (almeno 200 chilometri) lo stoccaggio del Css e per il trasporto in centrale si ipotizza il trasferimento del prodotto col gommato utilizzando la viabilità presente nell’area industriale.

Tantissime le domande poste ai progettisti seguite dalle risposte tecniche, soprattutto sotto l’aspetto ambientale, e non hanno convinto di certo tutti i presenti le assicurazioni date che le emissioni saranno minime ed intorno ad un quarto dei limiti di legge. All’ingegnere Monteforte, che riferiva poi di impianti funzionanti col Css in ambito internazionale, veniva posta in riscontro la politica europea seguita in materia che tende ad abbandonare gli inceneritori entro il 2020.

Più cauti i rappresentanti sindacali. Pino Foti (Cgil) pur riconoscendo che “qualche problema rispetto all’ambiente c’è”, ha ricordato gli investimenti fatti negli anni per il miglioramento ambientale. “La salubrità del progetto –ha aggiunto- non spetta a noi, ma è nella normativa dello Stato e ci rimettiamo alle previste procedure”. Foti ha quindi ha evidenziato che quello della A2A è l’unico investimento fatto in Italia in questo momento ed è un progetto che interessa un privato che vuole investire nel settore dei rifiuti, per cui l’intervento va valutato sotto ogni aspetto, non escluso quello occupazionale.

 

Condividi questo articolo
584 visite

5
Rispondi

avatar
400
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
LellaAntoniomassimoun disoccupatoGambino Giuseppina Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Lella
Ospite
Lella

Un Sindaco che si definisce di sinistra ed ecologista come Formica domani dovrebbe essere in prima fila con la fascia tricolore a salvaguardare la nostra salute!! Se non lo fa si deve vergognare!!

Antonio
Ospite
Antonio

http://www.brindisireport.it/cronaca/possibili-riflessi-a-Brindisi-del-no-a-nuovi-termovalorizzatori-deciso-dalla-giunta-Emiliano.html

Poi mi spiegate, sindaco e amministrazione, perché non valutate l’inizio di un sistema di raccolta differenziata serio… Per migliorare l’ambiente la salute e le tasche dei cittadini, proprio voi che vi definite di sinistra.

massimo
Ospite
massimo

Ho l’età per avere molti ricordi di quando nacque il polo chimico industriale a Milazzo. Avvilente è sentire ancora che tra gli aspetti di valutazione di un insediamento industriale il sindacato tiene conto dell’aspetto occupazionale. Credevo che anni di coscienza sui valori ambientali avessero fatto passare in secondo piano i cosidetti ricatti occupazionali. Ma poi, analizziamo questo aspetto occupazionale. A regime sentiamo da A2A che non saranno confermati tutti i lavoratori oggi in centrale. Insomma si arriverà ad una sorta di di spoil sistem. Quelli dentro saranno di meno degli attuali e quelli fuori insieme a tutta la popolazione si… Leggi tutto »

un disoccupato
Ospite
un disoccupato

Nella foto, tutti grandi Lavoratori.

Gambino Giuseppina
Ospite
Gambino Giuseppina

..Ma perchè dobbiamo martoriare ancora di più la nostra bella città..che già soccombe a quel mostro inquinante qual’è la Raffineria..Non si era detto che bisognava cambiare rotta?…Che il futuro per la nostra città sarebbe dovuto essere il turismo?….Ma se continuiamo a parlare di inceneritore, di posti di lavoro e di gruppi di controllo per l’aria inquinata dalla raffineria….il turismo non lo vedremo neanche con il binocolo….e le nostre bellezze paesaggistiche, architettoniche e culturali..saranno messe in secondo piano…Milazzo sarà soloun luogo di passaggio per l’imbarco per le Isole Eolie..Che peccato!..un proverbio siciliano recita così..: “Cu avi u pani, non avi i… Leggi tutto »