Ridurre il numero degli stalli a pagamento e una gestione in house del comune. L’associazione Big Bang di Milazzo coordinata dall’ex consigliere comunale Antonio Napoli dopo una luga pausa ritorna nell’agone politico con una nota e propone di rivedere la gestione delle strisce blu e di dare un taglio col passato. Dal 1 ottobre la cooperativa “Obiettivo salute e lavoro” ha deciso di lasciare anzi tempo il servizio. Ed ecco che si ripropone il problema del personale, oltre che della vivibilità del centro cittadino. «Ormai, anni di pessime gestioni delle strisce blu, legate anche a scadenti questioni politico elettorali, ci devono insegnare che non si può più pensare di risolvere un atavico problema occupazionale (che magari in 15 anni avrebbe potuto avere qualche altra soluzione, a cominciare dalla creazione di una cooperativa da parte degli stessi lavoratori) con l’istituzione di quasi 1000 parcheggi a pagamento in una città di 32.000 abitanti compresi anziani e bambini», scrive Napoli.

«I parcheggi a pagamento – secondo l’analisi di Big Bang – sono utilissimi nelle zone centrali e in prossimità di alcune attività o uffici e vengono abbastanza utilizzati anche nei mesi estivi. Ma non possiamo tacere che in alcune zone della città si vedono delle lande desolate dipinte di blu, p. come Piazza De Andrè o Via Giorgio Rizzo alta o parte della Via XX Settembre o Vaccarella». Poi si passa all’aspetto economico. Secondo l’associazione politica i costi di gestione sono troppo alti e se non si cambia rotta ogni sei mesi si riproporrà sempre lo stesso problema tra rinunce e ricorsi. «Bisogna avere il coraggio di risolvere il problema alla radice senza ipocrisie e senza inseguire consensi elettorali – si legge nella nota –  cercando di dare, in primis, un servizio alla città! Senza trascurare l’importante esigenza di migliorare il servizio di trasporto pubblico, solo come esempio si potrebbe pensare di istituire i parcheggi a pagamento, per tutto l’anno, nelle zone centrali (porto, comune, Piano Baele, parte di Via Umberto I, zona ASP) con l’istituzione delle macchinette per il rilascio del ticket, lasciando le altre zone, attualmente occupate dalle strisce blu, a disco orario di due ore; queste stesse zone potrebbero essere utilizzate come parcheggi a pagamento nei mesi estivi in cui l’afflusso di turisti o comunque visitatori della città è notevolmente maggiore. La gestione di questo servizio potrebbe avvenire, sempre se ci fossero i presupposti normativi, in house per il comune e comunque cercando una formula che coinvolga in qualche modo gli ex operai della Galileo, i quali potrebbero essere occupati magari a rotazione per alcuni mesi all’anno; cosa che d’altronde avviene nei fatti da diverso tempo! Augurandoci tutti che trovino un’occupazione più stabile dopo tanti anni di incertezze e di false promesse», conclude il coordinatore di Big Bang Milazzo.

Condividi questo articolo
1.363 visite

guest
17 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
calciatore capiciano
calciatore capiciano
4 anni fa

Scusi AUSILIARIO, cortesemente potrebbe a questo punto informare noi ignari delle cifre di cui parla, qualora ne fosse al corrente ???

belfagor
belfagor
4 anni fa

Ma degli introiti delle cooperative non ce ne può fregar di meno a noi cittadini!! Se ci fossero tutti questi guadagni non lascerebbero il servizio ogni due e tre e farebbero a gara pur di accaparrarselo.

medusa
medusa
4 anni fa

Paolo, scusami, ma il C.d.S. l’hai letto?????hai sparato un sacco di minc……ops cavolate.

Paolo
Paolo
4 anni fa
Reply to  medusa

illuminami e ti rispondo…….

bob
bob
4 anni fa

Buongiorno. Perché dobbiamo portarci questa situazione per anni dei lavoratori ex galileo? Prima di tutto non è giusto per i lavoratori di altre aziende avuti la stessa sorte. Inoltre scusate…. ma di questi ex galileo quanti sono, o aggiungiamo quelli che in questi anni si sono aggrappati al carrozzone, amici degli amici, parenti dei parenti e così via. Dobbiamo vedere bene la situazione sul quantitativo delle strisce blu da mettere, si mettono le macchinette come in tutto il mondo ed i vigili controllano. Per i lavoratori ex galileo, in questa fase collaborano con i vigili urbani ( che hanno tante… Leggi tutto »

franco
franco
4 anni fa

Sono anni che li abbiamo sul groppone,come ogni città che si chiama città esistono le macchinette automatiche ed il controllo lo fanno i vigili,invece qui si pensa solo a passiare,sia vigili che fannulloni della sosta….è ora che vi cercate un lavoro che si chiama lavoro e non a farvi mantenere dai cittadini con quei 35 cent a auto…..a casaaaaaaaaaaaaa….!!!!!!!!!!!!!!!!