Lotta dura ai falò di ferragosto. A proposito del fenomeno ferragostano legato all’accensione di fuochi in spiaggia la Capitaneria di Porto di Milazzo in una nota ricorda che sono vietati dal Codice della Navigazione e dall’Ordinanza balneare n°32/2012 con sanzioni previste per i trasgressori che possono arrivare sino ad un massimo di 2064 Euro; A tal proposito la Capitaneria di Porto ha inviato una nota ai comuni rivieraschi della propria giurisdizione per sensibilizzarli ad un maggior controllo del fenomeno attraverso l’impiego della polizia municipale. E’ stato, inoltre, richiesto alle Amministrazioni comunali un intervento successivo di pulizia straordinaria delle spiagge anche a tutela della pubblica incolumità. La stessa Capitaneria ha pianificato un incremento delle pattuglie a terra che svolgeranno un’attività di vigilanza e prevenzione.

L’Autorità Marittima di Milazzo, comunque, nella consapevolezza dell’impossibilità di poter impedire totalmente il verificarsi del fenomeno in questione, ritiene doveroso dare alcuni consigli:

  • Evitare di accendere i falò in spiaggia e scoraggiare al massimo tale pratica;
  • Se non si riesce in tale intento, evitare che tale pratica venga svolta da soli minorenni senza la presenza di adulti;
  • Evitare di portare in spiaggia qualsiasi liquido infiammabile;
  • Evitare di utilizzare legna di provenienza sconosciuta e comunque colorata e/o trattata con additivi nocivi sia al contatto che all’inalazione o che presenti spuntoni o chiodi arrugginiti;
  • Evitare di stare troppo vicini alla fonte del fuoco e di buttare al suo interno qualsiasi oggetto soprattutto bottiglie di vetro o bombolette di qualsiasi genere;
  • Al termine della serata ripulire il tratto di spiaggia utilizzato soprattutto dai rifiuti prodotti che dovranno essere riposti negli appositi contenitori presenti nelle stesse spiagge o nelle strade adiacenti;
  • Spegnere i focolai rimasti evitando di coprire i carboni ardenti con la sabbia;
  • IMPORTANTISSIMO per chi usufruirà della spiaggia la mattina del 15 agosto, evitare di avvicinarsi ai carboni che sicuramente saranno ancora ardenti, con particolare attenzione per i bambini, evitando di avvicinarsi a qualsiasi cunetta o montagnola di sabbia che potrebbe nascondere una fonte calorifica ancora attiva.

Condividi questo articolo
977 visite

4
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
animalistaenzinomollicaAjeje Recent comment authors
più recente meno recente più votato
animalista
Ospite
animalista

Perché la Capitaneria di Porto non fa un giro quotidiano per le spiagge per “sistemare a dovere” anche quei proprietari di cani che portano indisturbatamente le loro bestie a scorrazzare per la spiaggia e che scagazzano indisturbate? E’ giusto che ci si debba sdraiare su un tratto di sabbia dove magari poco prima degli animali hanno sporcato? Chiediamoci da dove spuntano tutti i problemi legati a strane infezioni: non è solo il sudiciume che viene fuori dai depuratori, ma anche la sciatteria e maleducazione della gente.

Ajeje
Ospite
Ajeje

La solita norma all’italiana: repressiva e bacchettona. Tanto anacronistica da essere coronata da istruzioni “damage control” che sembrano una ammissione di impotenza davanti una ordinanza cosi’ sconclusa che pochi rispetteranno. Ma puo’ mai essere che non si riesce a trovare un equilibrio, tra lecito e consentito specialmente in un paese che vuole svoltare verso il turismo? Io vivo dove un tratto di spiaggia e’ adibita ai fuochi notturni. Esitono dei pit, compri la legna, fai il tuo falo’ e cucini la tua roba. Il luogo e’ vigilato e se violi le norme (ragionevoli) paghi salato. Se ci sono i soliti… Leggi tutto »

enzinomollica
Ospite
enzinomollica

scusa, non sono d’accordo. se fosse lecito fare dei falò sulla spiaggia, sarebbe un cumulo di brace abbandonata e, soprattutto, di chiodi staccati dalla legna. perchè non credo proprio che chi fa un falò usi le dovute accortezze: ripulire, usare legna pulita da chiodi o da tinte, usare dei calderoni di ferro per evitare lo spargimento sulla spiaggia. già è difficile convincere gli stupidi a non lasciare i cartoni di pizza e bottiglie di birra, figuriamoci i legni. ci lamentiamo (giustamente) della mancata pulizia della spiaggia!!!

Ajeje
Ospite
Ajeje

Ciao Enzino! Non ho scritto di essere a favore della incivilta’ e del degrado. Ho solo detto che questa mentalita’ di prevenire un problema tramite la proibizione io (e spero tutte le altre persone civili) la vedo come una profonda ingustizia. E’ vero che a Milazzo l’incivilta’ regni sovrana ma non e’ cosi che risolvi il problema. Milazzo ed il suo mare sono l’unica cosa che e’ rimasta agli abitanti. Se sei civile e paghi le tasse devi pretendere di potere usufruire di cio che la tua citta’ offre! Inoltre e’ necessario chiarire: Il divieto di accensione dei fuochi deriva… Leggi tutto »