Negozi allagati, strade inaccessibili, l’area portuale trasformata in un lago, senza parlare della zona di San Paolino. La bomba d’acqua che ha colpito Milazzo intorno a mezzogiorno ha messo in ginocchio la città. Sono 31 i millimetri di pioggia caduti in poco tempo a Milazzo (25mm a Barcellona Pozzo di Gotto). Come al solito i tombini intasati hanno impedito il deflusso dell’acqua con i danni che si possono immaginare. Decine le chiamate alla polizia municipale e ai vigili del fuoco che sono intervenuti, ad esempio, in Marina Garibaldi, altro punto nevralgico, dove un negozio si è completamente allagato. Allarme anche nella zona San Papino dove attorno alla rotonda l’acqua era alta. Tanta gente è rimasta bloccata in auto o nelle attività commerciali. Molti lettori hanno segnalato che nei pressi delle rotonde (che in alcuni casi fanno da tappo) si sono registrati i problemi più grossi. Da San Papino alla via Cristoforo Colombo si è registrato un vero fiume di pioggia.

Condividi questo articolo
1.124 visite

12
Rispondi

avatar
400
11 Comment threads
1 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
11 Comment authors
DomenicoSalvoCmassimofedericoUgo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
SalvoC
Ospite
SalvoC

…il milazzese è convinto che casa propria finisca sul tappeto di ingresso del suo appartamento. Quindi la carta giù dal finestrino lo ritiene normale… ma lo può fare perchè lui paga le tasse!

Colpa delle rotatorie…?! Infatti lo scorso anno non c’erano e nemmeno un allagamento… uguale l’anno prima e quello prima ancora…
Milazzo è fatta… i milazzesi non si faranno mai.

massimo
Ospite
massimo

Ma i netturbini non gli spetta pulire i tombini pieni di carte e sporcizie. Avete visto il marciapiede tra il liceo classico e luigi rizzo (per capirci le due scuole).Da vergognarsi , ma questo sindaco insieme ai suoi assessori , non dovevano mettere Milazzo sottosopra , per intenderci , pulire la città , dare ocupazione ecc.ecc. invece fanno l’amiconi , come Maisano che stamattina davanti al comune lavorava con un dipendente a chiudere tutta l’area con il nastro. Cosa volete dimostrare????

Luca
Ospite
Luca

Signor Renato è vero che il cittadino milazzese dovrebbe avere più cura della sua città ma è anche vero che non è giusto dire ‘basta’ come dice lei nè tanto meno posso essere io cittadino ad andare a pulire i tombini. ..pago le tasse per questo e se non sbaglio quest’amministrazione si sta proprio in questi giorni prodigando per aumentare la spazzatura,quindi pulire i tombini per evitare allagamenti sarebbe il minimo!!

federico
Ospite
federico

CITTADINI!!?? pagate di tasca vostra qualche ruspa che demolisca ora e subito tutte queste “grandi opere” piene di erba che si possono “ammirare” in tutte le vie della città e che servono solo a creare disagi e danni che nessun amministratore risarcirà mai. Cominciamo subito con quella barriera della muraglia del porto che sulla via Migliavacca ostruisce il deflusso dell’acqua da S Paolino verso il mare e poi continuare con tutto il resto, rotonde in primis.

Ugo
Ospite
Ugo

…viva i milazzesi che dopo anni di silenzio assoluto adesso all’ennesimo tombino intasato (come da tradizione almeno trentennale – prima non saprei perchè non ero nato – ) se la prendono col sindaco in carica da 40 giorni e chiedono elezioni subito! fate ridere…