SAN FILIPPO DEL MELA. La consigliera Azzurra Amico non ci sta alle accuse rivoltele dalla minoranza consiliare di perseguire «una politica di mortificante allineamento a quella della stessa nuova maggioranza». Pronta è, infatti, la sua replica al gruppo “Liberamente per il bene comune”, consegnata ad un comunicato stampa, nel quale rileva quanto i quattro consiglieri «mostrando grande solerzia nell’interessarsi ai presunti “allineamenti” altrui, dimenticano probabilmente i propri». Fa notare quindi che «nel merito degli atti deliberativi discussi negli ultimi consigli, non vi sono state obiezioni da parte dei suddetti consiglieri, posto che l’approvazione di tali proposte è avvenuta all’unanimità». «Mi permetto – rilancia provocatoriamente – di suggerire loro di preoccuparsi del modo in cui conducono il ruolo di opposizione che si sono scelti, mai connotatosi per uno spiccato e maturo senso critico ed estremamente arroccato su sterili polemiche e beghe di parte». Conclude, infine, ribadendo di voler continuare ad interpretare il suo mandato «in modo libero ed indipendente, parteggiando esclusivamente per il bene della collettività».

Non si sottrae al dibattito degli ultimi giorni il presidente del consiglio di San Filippo del Mela, Gavino Paulesu. A seguito del comunicato del gruppo consiliare di minoranza “Liberamente per il Bene Comune” nel quale si metteva in dubbio la procedura amministrativa con la quale sono state revocate le deleghe all’ex assessore Andrea Trio, Paulesu difende la scelta del sindaco Aliprandi, in quanto con la revoca «ha azionato una sua prerogativa ritenendo il venir meno del rapporto di fiducia con un suo Assessore». Invita, poi, i quattro consiglieri a prestare cautela quando sui social network, in merito a questa vicenda, «si bollano i filippesi come “confusi ed ignoranti”, in quanto loro capiscono benissimo». Sollecita, infine, a proporre ricorso al Tar o al Presidente della Regione, per far valere nelle sedi opportune le loro ragioni e lasciar decidere ad un giudice la corretta applicazione delle procedure.

Condividi questo articolo
813 visite