Sterpaglie e degrado. E’ il biglietto da visita che i turisti vedono varcando il casello autostradale di Milazzo. A denunciarlo è il vice presidente del consiglio comunale Maurizio Capone il quale ha invitato l’amministrazione a sollecitare il Consorzio Autostradale che gestisce l’area. «Appena fuori dall’autostrada, allo svincolo di Milazzo, i nostri occhi ormai abituati alla scarsa cura del paesaggio non notano quello che invece i turisti (prevalentemente di passaggio e diretti alle Eolie) vedono come bigliettino da visita della nostra città. Il mio approccio – continua Capone – non vuole essere critico, ma esorto l’Amministrazione Comunale a sposare una causa che sta a cuore a molti di noi. La mia proposta è semplice: prendiamo contatto con l’Anas e impegniamoci seriamente per trovare una soluzione che renda più gradevole l’ingresso nella nostra meravigliosa Milazzo. E se l’Anas non risponde…riproviamo! Questo scenario desolato non può essere considerato decoroso e, soprattutto, non deve essere considerato “normale”». Capone, in un’altra nota, chiede lumi all’ammonistrazione per capire da dove provengono i rumori notturni che da giorni arrivano dal Polo Industriale.

 

Condividi questo articolo

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
mario
mario
5 anni fa

A Milazzo non cambierà mai niente lo volete capire o no.La città e allo sbando sporcizia e degrado dappertutto:ospedale erbaccie e cicche fanno da padroni, cassonetti spazzatura stracolmi e sporhi 2 ore dopo, spiagge strapiene di monnezza, caos i inquinamento stradale, la nostra amministrazione cosa fa (la notte rosa!!) Ma fatemi il piacere……. pensate prima al decoro e la pulizia della città , le potenzialità sono davvero enormi della città ma evidentemente non sapete fare turismo e tantomeno gruppo !!!!!! Sono offeso e triste come milazzese .

Milazzese attento a tutto
Milazzese attento a tutto
5 anni fa

Cari lettori, la cosa è molto semplice: Capone aveva voglia di uscire sul giornale e si inventato la prima cosa che ci passò pa testa (visto che ne parlava da mesi!). Ora si riposerà altri sei mesi, probabilmente il prossimo comunicato lo farà a Natale per dire che ci sono poche luci. Alla sua maniera va

Milazzese molto attento ai milazzesi attenti
Milazzese molto attento ai milazzesi attenti
5 anni fa

Se fossi attento ti firmeresti con tanto di nome e cognome…invece fai parte di quel sottobosco che come tanti si lanciano al commento personale per attaccare senza motivo …
Oggi faccio come te!!

Milazzese attento a tutto
Milazzese attento a tutto
5 anni fa

Ma quale attaccarre. E’ la verità. Poi se brucia e fa male o risulta scomoda pazienza! Ribadisco, Capone avia u ddesidderiu di nesciri supra u giunnali. Ci rivediamo a dicembre per il nuovo comunicato sulle luci di natale in centro (che fa ogni anno, è un pò un’usanza tipica..)

giuliano
giuliano
5 anni fa

mai come quest’anno il degrado delle spiagge ha raggiunto livelli indecorosi per una città che vuole tornare ad essere protagonista nel turismo. al di là delle evidenti responsabilità dei precedenti amministratori, non pensi che l’attuale sindaco ed i suoi collaboratori non abbiano ancora fatto nulla? o si attende la fine dell’estate? o si aspetta sempre l’aiuto dei volontari?
quindi iniziamo si dallo svincolo autostradale, ma caro Maurizio esorta i tuoi colleghi affinchè si adoperino per il litorale.

Maurizio
Maurizio
5 anni fa

Capone hai scoperto l’acqua calda ;altri prima di te hanno sollevato in maniera vigorosa il problema.Cerca di inventarti qualcosa di inedito se ne sei capace e sopratutto di piu’ utile per la Citta’

senzapelisullalingua
senzapelisullalingua
5 anni fa

Desidererei sollecitare sia i consiglieri che l’assessore Maisano per una più adeguata pulizia (lavaggio e disinfettazione che da tempo memorabile non viene effettuata) dei cassonetti dei rifiuti nel centro urbano e nella periferia, compresa l’area di asfalto sottostante, in modo da evitare il fetore e eventuali infestazioni di blatte e altri insetti…. altro biglietto da visita turistico di Milazzo.