Tutto pronto a Milazzo per l’inaugurazione della mostra evento “Pablo Picasso e le sue passioni” a cura di ComediArting & Exa Mondi Nuovi col patrocinio del Comune di Milazzo. L’esposizione dedicata ad uno dei geni incontrastati dello scorso secolo sarà ospitata a Palazzo D’amico, sul Lungomare Garibaldi, da venerdì 10 luglio a domenica 6 settembre. Ieri si è tenuto all’Eolian Milazzo la conferenza stampa di presentazione davanti alla stampa e agli sponsor locali che hanno consentito l’allestimento di questa mostra che, assieme ai Tesori di Milazzo al Duomo Antico del Castello, saranno i fiori all’occhiello della proposta culturale turistica. L’esposizione vedrà oltre 100 opere, ceramiche, disegni, serigrafie, fotografie e incisioni che raccontano l’ecletticità di Pablo Picasso. A presentare l’iniziativa l’assessore alla Cultura Salvatore Presti, e gli organizzatori Gianni Filippini, Francesca Silvestri, Michela Pistorio. «A Milazzo abbiamo registrato una reattività che in altri territori non abbiamo mai riscontrato – ha detto Silvestri – di solito queste iniziative maturano in tempi molto lunghi, anche anni. A Milazzo il progetto è stato accolto in tempi brevissimi, abbiamo trovato professionalità altissime come Giuseppe Morgana (curatore di un’altra mostra evento al Castello, “I tesori di Milazzo”, ndr) e sponsor che sono stati determinanti affinchè Milazzo potesse ospitare la produzione». Tra il pubblico i rappresentanti della Raffineria di Milazzo, Amendolia Assicurazioni, Edipower e Eolian Milazzo. «La Raffineria – ha spiegato Luca Franceschini, capo del Personale Ram –   ha concesso un contributo solo con l’impegno di abbassare il costo del biglietto d’ingresso, applicando una tariffa sociale, agli studenti delle scuole Superiori e agli Universitari (5 euro, ndr). Vogliamo che i giovani si avvicinino alla cultura e ne apprezzino anche le potenzialità». «La mostra di Milazzo è frutto di incoscienza e visione – ha spiegato l’art promoter Gianni Filippini – per buttarsi in un progetto così complesso durante la campagna elettorale per le amministrative con l’incognita di ritrovarsi con interlocutori diversi ci vuole una buona dose di coraggio. Abbiamo capito, però, che  Milazzo ha enormi potenzialità e questa di Picasso potrebbe essere la prima di una serie di eventi che nel corso degli anni futuri potremo pianificare in città». Filippini ha ringraziato anche l’apporto esterno dell’amico milazzese Sebastiano Pistorio «senza il quale non sarrebbe stato possibile concretizzare il progetto». «Il mio obiettivo – ha concluso l’art pomoter rivolgendosi ai presenti – è quello di rincontrarci a settembre non solo per fare un consuntivo sul successo di questo evento, ma anche per anticipare quello del prossimo anno. Eventi culturali di richiamo portano benessere a tutto il territorio. Lavorano le attività ricettive, il settore della ristorazione, si creano posti di lavoro». Michela Pistorio si è soffermata sul grande lavoro di promozione che accompagnerà il lancio della mostra. Si punterà molto sui social Network, da facebook a Instagram.

Condividi questo articolo